Viaggio in auto fino alla frontiera ucraina.

Viaggio in Ucraina con aereo, treno, automobile o la moto; informazioni, orari, agenzie, tappe, dritte, racconti di viaggio e consigli.

Re: Viaggio in auto fino alla frontiera ucraina.

Messaggiodi dgta67 il sabato 18 agosto 2018, 18:33

Tornando seri vado in garage a controllare cosa sta' combinando la moglie .....
Sta' preparando le valigie ,mica posso darle carta bianca su questo [-o<
Avatar utente
dgta67
MASTER
MASTER
 
Messaggi: 381
Iscritto il: domenica 25 gennaio 2015, 19:48
Residenza: cornedo vicentino (vi)
Anti-spam: 42


Re: Viaggio in auto fino alla frontiera ucraina.

Messaggiodi dgta67 il domenica 19 agosto 2018, 21:13

Salve ragazzi , sono in Ucraina , son partito stamattina presto, dopo aver attraversato Slovenia e Ungheria di slancio ho passato la dogana di Barabas Koson .
Avevo solo quattro o cinque macchine prima di me ma un paio d'ore le ho perse lo stesso , i doganieri lavoravano con una lentezza esasperante ...
Mi sono fermato nella prima bettola che ho trovato per strada , non avevo voglia di cercare qualcosa di decente con il buio , le donne erano molto stanche e io pure ...
Del resto ho fatto quasi 1200 km. oggi ...
Adesso a nanna , buonanotte a tutti .

Diego .
Avatar utente
dgta67
MASTER
MASTER
 
Messaggi: 381
Iscritto il: domenica 25 gennaio 2015, 19:48
Residenza: cornedo vicentino (vi)
Anti-spam: 42

Re: Viaggio in auto fino alla frontiera ucraina.

Messaggiodi peterthegreat il domenica 19 agosto 2018, 23:39

Grande!!!!
Dove son gli impiccatori degli Eroi che non scordiamo?
Dove son gli infoibatori della nostra gente sola?
Ruggirà per noi il leone, di là raglio di somaro.
Eia, carne del Quarnaro! Eja Eja Alalà
G. D'Annunzio
Avatar utente
peterthegreat
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 6406
Iscritto il: martedì 29 gennaio 2008, 18:11
Residenza: Savona
Anti-spam: 42

Re: Viaggio in auto fino alla frontiera ucraina.

Messaggiodi Isterop il venerdì 24 agosto 2018, 12:26

Ciao a tutti, anche io mi accodo per lunga attraversata fatta il 3 Agosto (partenza in piena notte alla 1). Siamo partiti da Roma,io mia moglia ucraina e mio figlio di 6 mesi, per arrivare a Nadrichne (dopo Ternopoli) via Slovenia-Ungheria (scelta dettata dai vari video pubblicati da Alibrando). Ho scelto, grazie a questo forum, la dogana di Berehove anzichè Chop. In effetti i tempi , almeno all'andata e l'orario di arrivo (3 di notte), sono stati brevi (circa 2 ore) ma i doganieri sono dei lestofanti (quelli UA). mi hanno chiesto 50 euro di mazzetta per farmi passare poichè non ero provvisto di copertura assicurativa (lo sapevo e confidavo nel farla proprio lì). Tuttavia l'ho fatta il giorno seguente in uno dei chioschetti per strada, subito dopo la dogana, a 4 euro per 15gg. Dopo i 1500 km sbolognati con 4-5 redbull ci siamo fermati a riposare in un motel, che consiglio a tutti, sempre a Berehove: il Mirage (25 euro), pulito e con posto privato interno recintato così da dormire tranquilli.... In effetti quello che scoccia di più, da questo lato della dogana, sono le strade alquanto deformate anche se le buche risultano quasi tutte tappate! Da lì , sempre dopo vari consulti, ho seguito l' autostrada da Mucacheve sino a Leopoli. La parte dei Carpazi anche se panoramica è davvero noiosa per via dei moltissimi camion e furgoncini che rallentano le andature. Mi ha fatto sorridere il gabbiotto a Mucacheve dei poliziotti (uno dei primi). Abbiamo scelto di prenderla con filosofia fermandoci a mangiare lunga la tratta e comprando dalle vecchiette, ferme sul ciglio della strada, funghi e mirtilli (ma davvero tanti per sole 30 grivne). Da Leopoli, presa la tangenziale, abbiamo seguito le indicazioni per Ternopoli. La strada rispetto a prima è a doppio senso di circolazione per una corsia a senso di marcia e senza spartitraffico, la vel max consentita a tratti è di 110 ma in media di 90, quindi armatevi di santa pazienza! Quello che consiglio è non lasciare mai le autostrade principali perchè le interne sono un disastro. A volte non esistono proprio e le buche non sono tali ma dei crateri! Gli ucraini affrontano tale problema con le Ladda e cerchi in acciao :) Il ritorno è stato un macello alla dogana. 5 ore di attesa. Gli ungheresi sono lenti e pignoli. Mi hanno controllato l'intera auto con scarico di tutti i bagagli sulla panchina. Abbiamo pernottato subito dopo la dogana ungherese precisamente a Vásárosnamény (30 euro).....
L'anno prossimo proverò il lato austria-polonia, vediamo come andrà.

Grazie del contributo. Mettiti in regola però con gli obblighi di presentazione previsti dal regolamento.Bastano 2 righe nell'apposita sezione.
Avatar utente
Isterop
TURISTA
TURISTA
 
Messaggi: 1
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2018, 14:07
Località: Roma
Residenza: Roma
Anti-spam: 42

Re: Viaggio in auto fino alla frontiera ucraina.

Messaggiodi troviamoci50 il venerdì 24 agosto 2018, 14:14

Un grazie per le informazioni sulle frontiere.
La mia esperienza è di notte dopo la mezzanotte Chip veloce e rapido, e di giorno Berengove arrivato alle 18 e alle 18,50 già in Ungheria. I controlli sono meticoloso ma se si vuole ad sicurezza questo è il prezzo.
Non so se dalla Polonia la frontiera sia più snella, e a volte ci vuole un po' di fortuna.
Si sa che il mercoledì , il giovedì e venerdì i pulmini partono per l'Italia, e alla fila è unica dalla parte Ucraina, il contrario all'ingresso almeno a Chop è diviso per poi diventare unica fila verso l'Uccraina.
A Berengove unica fila, a Siret unica fila sia in ingresso e in uscita ma io la faccio sempre a piedi arrivando da Iasi o Suceava.
troviamoci50
Avatar utente
troviamoci50
ESPLORATORE
ESPLORATORE
 
Messaggi: 191
Iscritto il: mercoledì 15 agosto 2007, 22:52
Località: montebelluna/tv

Re: Viaggio in auto fino alla frontiera ucraina.

Messaggiodi dgta67 il venerdì 31 agosto 2018, 21:13

Salve a tutti , eccomi qua sono tornato dall'Ucraina qualche ora fa , finalmente a casa .
Durante il soggiorno a Kiev ho provato a mandare dei post col cellulare ,ma il sistema mi dava sempre " error..." non so perche' .
Comunque anche per quest'anno e' andata , vacanze nella capitale e nella campagna di Kirovograd .
Che dire ,ho vissuto una dozzina di giorni non esattamente rilassanti :mrgreen: ma di questo ne eravamo tutti consapevoli anche prima di partire ....
Per cominciare le strade ,quando si passa il confine si capisce subito che quello e' un altro mondo ,anche percorrendo le statali principali Muckacheve /Lviv /Zhitomir / Kiev non si riesce a marciare spediti .....
Insomma la solita storia .....comunque su questi percorsi la situazione e' piu' o meno quella dell'anno scorso.....
Siamo stati alcuni giorni a Kiev ospiti di parenti ( tra l'altro in un appartamento di nuova costruzione ,sicuramente confortevole) poi siamo partiti per la campagna .
La statale che porta a Uman é parecchio messa male ,ma anche qui siamo in linea con quello che ho trovato lo scorso anno ....
I guai seri sono arrivati quando ho lasciato la E50 per prendere le strade secondarie : la situazione era disastrosa , al limite del praticabile ,a tratti sembrava di essere sulla luna ( buche dappertutto )in altre zone c'erano dei solchi longitudinali cosi' profondi che bisognava passare tutto a destra o a sinistra rischiando sempre di toccare sotto.....
Decisamente peggio di un anno fa ,roba da prima e seconda marcia per intenderci .

Sono arrivato a destinazione che era buio pesto dopo aver sacramentato in tutte le lingue ....
Quattro o cinque ore per fare una quarantina di chilometri ,vedete un po' voi ....

Questa e' la zona a est di Uman ,nei paesi di Pishani Brid ,Novoukrainka ,Peremoga .....
Fate molta attenzione se per caso dovete andare da quelle parti , ci vuole un attimo a spaccare la coppa dell'olio o un cerchione....
Comunque ci sono arrivato ,ed e' stato emozionante rivedere mia suocera dopo un anno ......

Per stasera mi fermo qui , sono stanco il resto del reportage ve lo racconto domani :mrgreen:

Diego.
Avatar utente
dgta67
MASTER
MASTER
 
Messaggi: 381
Iscritto il: domenica 25 gennaio 2015, 19:48
Residenza: cornedo vicentino (vi)
Anti-spam: 42

Re: Viaggio in auto fino alla frontiera ucraina.

Messaggiodi peterthegreat il venerdì 31 agosto 2018, 23:15

dgta67 ha scritto:La statale che porta a Uman é parecchio messa male ,ma anche qui siamo in linea con quello che ho trovato lo scorso anno

Ogni giorno arriva un b 747 a Borispol che porta gli Ebrei in pellegrinaggio ad Uman, partiranno con una decina di bus, sono loro che distruggono la strada, dovrebbero fargli pagare il pedaggio.
Dove son gli impiccatori degli Eroi che non scordiamo?
Dove son gli infoibatori della nostra gente sola?
Ruggirà per noi il leone, di là raglio di somaro.
Eia, carne del Quarnaro! Eja Eja Alalà
G. D'Annunzio
Avatar utente
peterthegreat
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 6406
Iscritto il: martedì 29 gennaio 2008, 18:11
Residenza: Savona
Anti-spam: 42

Re: Viaggio in auto fino alla frontiera ucraina.

Messaggiodi dreamcatcher il sabato 1 settembre 2018, 10:26

dgta67 ha scritto:Quattro o cinque ore per fare una quarantina di chilometri ,vedete un po' voi ....


Ecco... se avevo un briciolo di nostalgia per non essere andato in campagna questa estate, sono rinsavito subito :mrgreen:
Avatar utente
dreamcatcher
MODERATORE
MODERATORE
 
Messaggi: 8100
Iscritto il: giovedì 1 luglio 2010, 10:38
Residenza: Como
Anti-spam: 56

Re: Viaggio in auto fino alla frontiera ucraina.

Messaggiodi dgta67 il sabato 1 settembre 2018, 19:10

Ah Dream ,aver nostalgia per la campagna ucraina ..... :badgrin:
Dai ,non scherzare ,pensa che mia moglie ( ha voluto lei a fare questo viaggio...) si é stufata per prima : appena arrivati ha gia' cominciato a litigare con la madre ,non sopportava piu' nulla ,gli faceva schifo il cibo ecc.
Comunque....
Siamo rimasti a Peremoga per cinque giorni ,un posto da terzo mondo ,niente asfalto ,niente illuminazione ,niente acqua potabile , in condizioni igenico/sanitarie molto precarie.....
Al centro dell'Ucraina a raccogliere patate, portare al pascolo tre capre, dare una ripulita a tutte quelle baracche (tutte rivestite di eternit tra l'altro...)
Fare insomma tutto quello che abbiamo potuto per aiutare mia suocera, che ormai si muove con fatica ( ha 87 anni )

Indubbiamente originali come vacanze estive :mrgreen:

Quando é stata ora di ripartire dei parenti ci hanno consigliato di percorrere gli sterrati usati dai trattori cosi' da evitare le buche delle strade secondarie .....
Detto fatto : avanti in mezzo ai campi di girasole e soia ,facendo molta attenzione a non toccare sotto dove la parte centrale dei sentieri era troppo alta......
Pero' .....affascinante l'immagine dell'Alfa in quella pianura sterminata ....mi e' venuta in mente l'idea dei soldati italiani che piu' di settant'anni fa sono passati di li' a fare la guerra ..... [-o<
Balorda come idea ,ma mi e' venuta .....sara' stata l'emozione di trovarmi in mezzo al nulla con la possibilita' di un guasto alla macchina ......con moglie e figlia piccola al seguito.....
Fortuna che e' filato tutto liscio ,intorno non abbiamo mai visto anima viva...
Abbiamo percorso cosi' una ventina di chilometri ,poi di nuovo il .....paesaggio lunare :mrgreen:
Per arrivare a kiev ci abbiamo messo quasi un giorno ,appena arrivati in appartamento ci siamo subito fiondati in doccia in modo da toglierci di dosso la fertile ferra dell'Ucraina :badgrin:

Nessun dubbio : fantastica la civilta'.

Domani ve ne racconto un altro pezzo.....

Diego.
Avatar utente
dgta67
MASTER
MASTER
 
Messaggi: 381
Iscritto il: domenica 25 gennaio 2015, 19:48
Residenza: cornedo vicentino (vi)
Anti-spam: 42

Re: Viaggio in auto fino alla frontiera ucraina.

Messaggiodi dreamcatcher il sabato 1 settembre 2018, 22:38

Ahahah Diego!

Il tuo intervento potrei averlo scritto io, devo solo cambiare il nome del villaggio! :lol:

Compresa la reazione di tua moglie, esattamente come la mia bella appena arriva nel villaggio comincia a litigare e a lamentarsi. Non so da cosa dipenda, desiderano tanto tornare a casa e poi una volta lì si vede che la delusione o la rabbia sono talmente forti che non sopportano più nulla.
>Forse è la sensazione che dopo anni, decenni, nulla è cambiato se non in peggio. Non dev'essere facile, una vita di sacrifici all'estero e poi vedere che a casa i propri genitori o i propri cari vivono ancora al lume di candela, con una mentalità che sembra così radicata da non poter cambiare mai.

dgta67 ha scritto:un posto da terzo mondo ,niente asfalto ,niente illuminazione ,niente acqua potabile , in condizioni igenico/sanitarie molto precarie.....Al centro dell'Ucraina a raccogliere patate, portare al pascolo tre capre, dare una ripulita a tutte quelle baracche (tutte rivestite di eternit tra l'altro...)Fare insomma tutto quello che abbiamo potuto per aiutare mia suocera, che ormai si muove con fatica ( ha 87 anni )


Quoto al 200%. Cambia solo il numero delle capre, da noi non ne ho mai viste tre insieme.
E leggendo il tuo post, alla mia bella è tornata in mente sua nonna materna che ormai non c'è più da una decina d'anni. E' rimasta la sua casa, disabitata, da qualche parte avevo anche postato le foto. Una nonnina che non ho mai conosciuto personalmente ma che dai racconti doveva avere un caratterino mica da ridere. Dice Yuliya che quando ormai era impossibilitata a camminare, si trascinava sul pavimento fino all'orto e zappava da sdraiata... che storie, da non credere.

Ma lì da voi arriva il gas? Eh, non prenderla come una battuta... immagino che sia molto molto difficile che arrivi.
Da come racconta mio figlio, il nostro villaggio è rimasto senza corrente per molti giorni durante l'estate, anche in assenza di temporali e disastri naturali. Pare che sia una cosa sistematica... ogni 5-6 giorni staccano tutto e se ne riparla dopo altri 3-4. Non ho parole.

dgta67 ha scritto:Quando é stata ora di ripartire dei parenti ci hanno consigliato di percorrere gli sterrati usati dai trattori cosi' da evitare le buche delle strade secondarie .....Detto fatto : avanti in mezzo ai campi di girasole e soia ,facendo molta attenzione a non toccare sotto dove la parte centrale dei sentieri era troppo alta......


Idem. Sono situazioni surreali, davvero. Sai che non riesco a immaginare come si possa dire di essere stati in Ucraina se non si sono fatte simili esperienze?

Se riesco nei prossimi giorni con calma cerco i post dove avevo pubblicato qualche foto della mia campagna, così mi dici se è uguale alla tua.

Purtroppo, per quanto se ne dica, resto convinto che la maggior parte del Paese sia nelle condizioni che hai descritto tu. Poi forse è vero che la popolazione si è in gran parte trasferita nelle città, lo si capisce anche dal numero di case abbandonate nei villaggi, dal vuoto che si percepisce quando ti muovi nelle stradine di campagna.
Però tolte quelle 5-6 grandi città, vogliamo dire 7, 8, fosseo pure 10... il resto è campagna, sterminata e dimenticata . C'è poco da fare.

Scusate l'OT, mi sono lasciato trascinare... torniamo al viaggio.
Avatar utente
dreamcatcher
MODERATORE
MODERATORE
 
Messaggi: 8100
Iscritto il: giovedì 1 luglio 2010, 10:38
Residenza: Como
Anti-spam: 56

Re: Viaggio in auto fino alla frontiera ucraina.

Messaggiodi dgta67 il domenica 2 settembre 2018, 0:15

ciao Dream , che vuoi che ti dica ,quando si e' abituati ad avere certe cose da tanti anni diventa poi difficile farne a meno ,anche per pochi giorni .
E la mia Tania ha lasciato la campagna per la capitale quando era ancora una ragazzina per poter avere un futuro migliore .
Ricordo che in questo soggiorno ripeteva spesso con tutti ( ma sopratutto con sua madre ...) : é la vostra mentalita' che non funziona ,non é solo un problema di soldi .....

Comunque no ,non arriva il gas ,c'e' la bombola .
Poi niente rubinetti ,acqua dal pozzo (quest'anno non era neppure pulita...) niente toilette/bagno ( latrina nell'orto...) per la doccia c'e' una sorta di baracchino con un bidone sul tetto che va riempito col tubo da annaffiare ( se il sole scalda l'acqua diventa tiepida altrimenti....)
Non é neppure il caso di parlare di internet e il segnale del telefono funziona una volta si e dieci no ....

Poi un'altra cosa che mi ha dato fastidio : tutto é basso e piccolo.....
Sono basse le porte (mi dovevo sempre piegare per non sbattere la testa ...)e' bassa la grondaia davanti all'entrata ,sono bassi (molto) gli sgabelli per sedersi a tavola ,la tavola e' molto piccola e non ci sta mai tutto .....

Ma é cosi' difficile fare le cose un po' piu' grandi ????
Mah...
Dai che ho voglia di scrivere ....
Parlavo di capre ,quando sono arrivato erano 3 , quando sono partito erano in 2 ....per colpa mia !!!
Come avevo accennato davo una mano a portarle al pascolo ( niente di difficile ,bastava prenderle per la catena portarle in qualche spiazzo verde e fissare la catena al terreno per mezzo di un picchetto...)
Ma io riguardo alle capre sono ignorante come una ......capra :mrgreen:

Una mattina non le ho parcheggiate esattamente dove mi era stato detto ,ma ho pensato :le lego qualche metro piu' vicine a degli alberelli/arbusti li' vicino ,cosi' trovano da mangiare piu' facilmente con le foglie .....
Inoltre sotto i rami si potranno riparare dal sole povere bestie, mi son detto...
Decisione tragica la mia per uno degli animali....
La sera quando sono andato a riprenderle mi sono accorto che una di loro aveva attorcigliato la catena piu volte prima attorno ad un albero ,poi attorno al proprio collo nel tentativo di liberarsi ,finendo per strangolarsi .... [-o<

Ci rimasi molto male ,nessuno ne fece una tragedia ma.....
Bisogna legarle lontano dagli alberi, altrimenti puo' succedere mi disse mia moglie....

Vabbe' ,ormai non potevo tornare indietro , presi la vanga e cominciai a scavare.....

La campagna dell'Ucraina mi ha insegnato qualcosa anche stavolta .

Diego.
Avatar utente
dgta67
MASTER
MASTER
 
Messaggi: 381
Iscritto il: domenica 25 gennaio 2015, 19:48
Residenza: cornedo vicentino (vi)
Anti-spam: 42

Re: Viaggio in auto fino alla frontiera ucraina.

Messaggiodi peterthegreat il domenica 2 settembre 2018, 8:41

Ma secondo te se avessero un po' di cervello, accetterebbero di vivere in certe condizioni nel 2020.

Poi non venitemi a dire che i popoli sono tutti uguali.
Dove son gli impiccatori degli Eroi che non scordiamo?
Dove son gli infoibatori della nostra gente sola?
Ruggirà per noi il leone, di là raglio di somaro.
Eia, carne del Quarnaro! Eja Eja Alalà
G. D'Annunzio
Avatar utente
peterthegreat
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 6406
Iscritto il: martedì 29 gennaio 2008, 18:11
Residenza: Savona
Anti-spam: 42

Re: Viaggio in auto fino alla frontiera ucraina.

Messaggiodi Forrest Gump il domenica 2 settembre 2018, 10:36

Grazie dei vostri racconti, la mia Ucraina è per il 99,9% Kiev e queste scene appassionanti non le conosco se non attraverso i vostri messaggi.
Il centro di Kiev lo conoscete già, ci sono le docce, gli scaldabagni, le jacuzzi, i bar, i ristoranti di ogni etnia e tutti i comfort di ogni genere e tipo. Basta pagare.

Forse per questo che in Ucraina si dà un'importanza pazzesca ai soldi. Parliamoci chiaro, i soldi sono importanti ovunque e non faccio certo moralismi, ma a certe latitudini ho l'impressione che valgano di più. Molto di più.

Forse siamo noi a non capire il vero valore dei soldi quando sono solo i soldi a poterti cambiare la vita, a farti passare dalle capre e dal bagno/latrina all'aperto del secolo scorso e forse anche più indietro, ad un livello minimo di qualità della vita per l'anno 2018 che viviamo.
Forse siamo noi occidentali privilegiati a non capire il vero valore dei soldi, anche perchè - se escludiamo i casi limite, i senza tetto - generalmente un "povero" pensionato occidentale, ha pur sempre il gas a casa, un tetto non in eternit, un bagno (privato o da condividere) con l'acqua calda e le strade asfaltate.
"L'uomo saggio aspetta il momento giusto, il pazzo lo anticipa, l'imbecille lo lascia passare". (tratto dal film "Mai arrendersi")
Avatar utente
Forrest Gump
Admin
Admin
 
Messaggi: 6845
Iscritto il: sabato 5 luglio 2008, 18:04
Località: Tra Marbella e Kiev
Residenza: Kiev Ucraina
Anti-spam: 42

Re: Viaggio in auto fino alla frontiera ucraina.

Messaggiodi dgta67 il domenica 2 settembre 2018, 22:24

Eccomi qua ragazzi ,terza e ultima puntata :mrgreen: del mio viaggio : il ritorno.

Tornati dalla campagna siamo stati nella capitale un altro giorno ,ne abbiamo approfittato per incontrare qualche
amica/parente e andare a spasso per la citta' : Maidan , Khresiatik , il corso del Dnipro vicino al Podol .....

Come scriveva sopra Forrest una vita agli antipodi rispetto alla campagna ....

Siamo partiti la mattina di mercoledi' 29 agosto e abbiamo percorso le stesse strade dell'andata Kiev/Zytomyr/Rivne/Dubno/Lvov (E40) ,poi Lvov Stryj/Mukacheve (E471) .
Ho avuto l'impressione che su questo senso di marcia le strade fossero messe un pochino meglio ,non so ,forse e' stato il fatto che ormai eravamo abituati alle buche e le abbiamo notate un po' meno ....
O forse quelle statali sono davvero un po' diverse da una parte rispetto quell'altra , anche la moglie ha confermato questa mia impressione .
Boh ,strano ma siamo in Ucraina.....
Comunque avevamo deciso di passare la dogana sempre a Koson /Barabas , ci siamo presi un po' tardi ( la dogana chiude alle 20 di sera ) cosi' nell'ultimo tratto dei carpazi ci ho dato dentro con l'acceleratore :mrgreen:
Siamo arrivati alla granitza esattamente alle 19.46 minuti , pensavo ci facessero passare ,ma niente :troppo tardi !!!
Avevano alcune macchine dopo la sbarra , probabilmente alla 20 intendono che devono smaltire le auto tra le due dogane.
Decidiamo cosi' di pernottare in zona e di proseguire l'indomani mattina ,li' a pochi chilometri ci sono degli stabilimenti termali ,proviamo a chiedere i prezzi per una camera .....
Il primo( gran bel posto ,tipo villaggio turistico internazionale...) ci spara 150 euro per una notte ,sono quasi tentato a dire di si ,ma poi decidiamo di optare per un'altra struttura li' vicina sicuramente piu' modesta ma anche piu' economica ( meno di 40 euro ...)

La mattina seguente mi sveglio di buon'ora ,voglio presentarmi alla dogana il prima possibile per essere tra i primi ,ma figurati se le donne sono capaci di fare in fretta.... [-o<
Arriviamo circa alle 7.30 : ci sono gia' una quarantina di macchine ....
Vabbe' ,aspettiamo , la solita solfa ....
Si comincia con il militare che ci da' il bigliettino con su' scritto il numero delle persone , poi la parte Ucraina ,poi bisogna aspettare che quelli davanti si muovano....
La solita storia snervante ,con i doganieri che vanno al rallentatore...
Arriviamo finalmente al baracchino ungherese ,presento i tre passaporti e aspetto .....
Dai che é fatta mi dico un ultimo controllo e ce ne andiamo .....
E invece no !!!
Il doganiere mi da' indietro i passaporti e il permesso di soggiorno di mia moglie .......e il mio di passaporto ????
Nein , systema kaputt !!!! mi dice in chissa' quale lingua ..... pauza !!!!
Ah bene ,mi mancava questa .....
Tutti smettono di lavorare ,cominciano a parlare ,ridere e scherzare tra di loro ....
Subito ho pensato che fossero andati in tilt i computers ,ma mi sono presto reso conto che era un semplice black out elettrico .......insomma era andata via la corrente .......niente corrente niente computers ......
Cavolo , sarebbero bastati altri 2 minuti e saremmo passati ......
Invece ......
Invece abbiamo aspettato che ritornasse la corrente ....aspettato tanto ......
Fino alle due del pomeriggio !!!
Che cavolo .....e' cosi' difficile prevedere un generatore d'emergenza per evitare inconvenienti simili ?
Ci vuole tanto a mettere un gruppo elettrogeno per far funzionare un paio di baracche ?
Tra l'altro pare che queste situazioni siano frequenti

Vabbe' é la dogana Ucraina/Ungherese ,mica quella Italia/Svizzera.....e si vede .

Siamo partiti subito dopo essere passati ,dopo pochi chilometri subito in autostrada ma dopo aver passato Budapest ha cominciato a fare buio e ho realizzato che non sarei riuscito ad arrivare a casa in un'unica tappa....
Cosi' ho deciso di uscire in prossimita' della zona Sud del lago Balaton ,per provare qualche hotel ,,,,
Detto fatto ,il navigatore ci ha portato in una piccola pensione ben curata in un paesino turistico molto carino .....

Sarebbe bello farci una vacanza da queste parti un giorno o l'altro mi ha detto Tania ....
" Sicuro tesoro ,se la pianti col farmi andare in Ucraina a tribolare .....si si mi piacerebbe il Balaton !!! "
Mi ha risposto con un sospiro ..... :mrgreen:

Il giorno dopo siamo partiti la mattina (prima ci siamo informati sul luogo e sull'hotel....) e abbiamo passato la parte di Ungheria che ci mancava ,la Slovenia e il pezzo d'Italia senza inconvenienti e in maniera spedita ....

In tutto 4800 chilometri ,abbiamo speso circa 800 euro ( nafta ,hotels ,vignette, spuntini ecc. ) e siamo tornati molto piu' stanchi di quando siamo partiti .....
Ma in ferie non ci si deve riposare ?
Boh.....

Diego.
Avatar utente
dgta67
MASTER
MASTER
 
Messaggi: 381
Iscritto il: domenica 25 gennaio 2015, 19:48
Residenza: cornedo vicentino (vi)
Anti-spam: 42

Re: Viaggio in auto fino alla frontiera ucraina.

Messaggiodi dgta67 il domenica 2 settembre 2018, 22:25

Scusate ,ho pasticciato e ho postato due volte .
Avatar utente
dgta67
MASTER
MASTER
 
Messaggi: 381
Iscritto il: domenica 25 gennaio 2015, 19:48
Residenza: cornedo vicentino (vi)
Anti-spam: 42

PrecedenteProssimo

Torna a Ucraina in Aereo, Treno, Auto e Moto





Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti