Venti di guerra

La politica in Ucraina.

Re: Venti di guerra

Messaggiodi Forrest Gump il domenica 17 febbraio 2019, 20:35

La fine della guerra in Donbass pare non "fotta" più a nessuno.
Non ai russi che hanno sempre un piede dentro l'Ucraina.
Non alla UE rimasta inerme al di là delle operazioni di facciata.
Se escludiamo le popolazioni più vicine agli scontri, probabilmente non interessa neanche agli ucraini.
Forse non dovrebbe neanche interessare a noi #-o

Dichiarazione forte? Possibile, ma credo che si sia trovato un equilibrio ed una peace of mind per tutti.
"L'uomo saggio aspetta il momento giusto, il pazzo lo anticipa, l'imbecille lo lascia passare". (tratto dal film "Mai arrendersi")
Avatar utente
Forrest Gump
Admin
Admin
 
Messaggi: 6366
Iscritto il: sabato 5 luglio 2008, 18:04
Località: Puerto Banùs (Spain)
Residenza: Kiev Ucraina
Anti-spam: 56


Re: Venti di guerra

Messaggiodi peterthegreat il domenica 17 febbraio 2019, 21:43

RomaLviv ha scritto:Mi sembra chiaro ormai, che gli unici interessi di cui parla Putin sono il controllo delle miniere di carbone, da cui si rifornisce anche la Russia e un collegamento via terra alla Crimea, ma ormai superato dal ponte di Kerch................


Questa e' un affermazione che deve fare riflettere, sta bene a tutti.
Non saranno venti di guerra, ma cosa ha fatto l'Ucraina per fare a meno del carbone?
La Germania usa il 60% di energie alternative, tra eolico e fotovoltaico
Il paese dei girasole e' una pianura immensa, quanto produce di alternativo? Zero?
Tutti contenti che la guerra continui, perché i soliti noti , Akhmetov e co, diventano sempre più' ricchi.
Anche se tutti noi no!
La radici profonde non gelano!
Avatar utente
peterthegreat
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 5736
Iscritto il: martedì 29 gennaio 2008, 18:11
Residenza: Savona
Anti-spam: 42

Re: Venti di guerra

Messaggiodi valkrav il domenica 17 febbraio 2019, 23:54

Gianmarco58 ha scritto:sempre più Ucraini siano convinti che l'Ucraina sia di fatto in stato di guerra con la Russia e che la guerra sia causa diretta delle politiche di Putin.

Perche a qualcuno sta comodo scaricare tutte le colpe su Putin (certo che non e un santo),
ma come mai i governatori ucraini non dicono chiaro e a voce alta "Si, siamo in guerra con la Russia"?
e continuano a far affari con "nemico" su tutti i fronti.

Se prima ucraini e russi stati considerati almeno come popoli amici se non come un popolo unico.
Ora invece cambiato tutto completamente.

A "cui prodest" questo "dividi et impera"?
Non mi sembra a Putin e a Russia in generale
Миром правит не тайная ложа, а явная лажа
Avatar utente
valkrav
MASTER
MASTER
 
Messaggi: 885
Iscritto il: venerdì 30 dicembre 2011, 22:55
Residenza: Lucca
Anti-spam: 56

Re: Venti di guerra

Messaggiodi Gianmarco58 il lunedì 18 febbraio 2019, 0:48

Valkrav, non ho scritto io quello che hai riportato come "Gianmarco58 ha scritto", quel virgolettato è di andbod al quale chiedevo gentilmente la fonte dei dati da lui riportati.
Comunque son d'accordissimo con te, e ti assicuro che qui a Odessa Russi e Ucraini non si odiano, c'è solo qualche ragazzotto imbecille che fa lo spavaldo quando è in compagnia e il cagasotto quando è solo.
Gli uomini sono sanguinari, NON le Ideologie! (Peterthegreat)
Avatar utente
Gianmarco58
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 2344
Iscritto il: martedì 11 settembre 2012, 9:32
Località: Milano e Odessa
Residenza: Milano e Odessa
Anti-spam: 42

Re: Venti di guerra

Messaggiodi RomaLviv il lunedì 18 febbraio 2019, 13:56

Rimango di stucco. Una testata giornalistica(l'antidiplomatico) se questo é il giusto termine, parla di presidente golpista, di primo ministro golpista, di esercito neonazista, ma possono usare certi termini?
E quando pensi che sia finita e' proprio allora che comincia la salita.
Avatar utente
RomaLviv
MASTER
MASTER
 
Messaggi: 953
Iscritto il: sabato 15 novembre 2014, 18:00
Residenza: Roma
Anti-spam: 42

Re: Venti di guerra

Messaggiodi dreamcatcher il lunedì 18 febbraio 2019, 14:22

RomaLviv ha scritto:ma possono usare certi termini?

Pensavo ti riferissi a "l'antidiplomatico" e "testata giornalistica" :lol:
Avatar utente
dreamcatcher
MODERATORE
MODERATORE
 
Messaggi: 7648
Iscritto il: giovedì 1 luglio 2010, 10:38
Residenza: Como
Anti-spam: 56

Re: Venti di guerra

Messaggiodi grifoinside il mercoledì 20 febbraio 2019, 1:17

RomaLviv ha scritto:Rimango di stucco. Una testata giornalistica(l'antidiplomatico) se questo é il giusto termine, parla di presidente golpista, di primo ministro golpista, di esercito neonazista, ma possono usare certi termini?

Certo che possono!
Si chiama cercare di provare ad inculcare a chi legge la propia visione dei fatti. (Non la realta')
Avatar utente
grifoinside
ESPLORATORE
ESPLORATORE
 
Messaggi: 128
Iscritto il: domenica 1 ottobre 2017, 23:18
Residenza: Genova
Anti-spam: 42

Re: Venti di guerra

Messaggiodi vittorio_guido il mercoledì 20 febbraio 2019, 2:15

dreamcatcher ha scritto:
RomaLviv ha scritto:ma possono usare certi termini?

Pensavo ti riferissi a "l'antidiplomatico" e "testata giornalistica" :lol:


:lol:
Soltanto gli stupidi non sbagliano mai.....
Odessa Mama
Avatar utente
vittorio_guido
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 5848
Iscritto il: domenica 7 febbraio 2010, 22:09
Residenza: viareggio (Odessa vacanza)
Anti-spam: 56

Re: Venti di guerra

Messaggiodi andbod il mercoledì 20 febbraio 2019, 5:50

Gianmarco58 ha scritto:Una fonte? Va bene anche una di parte.


La fonte è un sondaggio di opinione condotto dal Kyiv International Institute of Sociology (in genere considerato indipendente).
Un risultato analogo era stato rilevato lo scorso anno dal Centro per gli studi economici e politici (vicino alla famiglia Yanykovich) anche se con risultati meno netti, visto che poneva una domanda singola senza contare gli indecisi.

Il fatto che gli Ucraini abbiano una percezione chiara delle cause della guerra non ha nulla a che vedere con i la percezione che hanno nei confronti dei cittadini Russi verso i quali l’attitudine continua a risultare estremamente positiva.

Personalmente sono convinto che invece questa situazione aiuti profondamente Putin che, sempre più in difficoltà sui temi economici con la sua popolarità in netta discesa in Russia, può cercare di oscurare la realtà con le guerre da una parte e l’odio del nemico dall’altra. Se infatti per gli Ucraini i Russi restano un popolo amico, per i Russi gli Ucraini sono addirittura più odiati di Polacchi e Americani, cosa che viene sfruttata ampiamente da Putin che ha recentemente indicato in maniera chiara che il supporto a DNR e LNR da parte Russa non è solo economico ma anche militare e che si intensificherà ulteriormente.

Gli obiettivi di Putin, a mio avviso, sono abbastanza chiari: se all’inizio voleva creare un nuovo “mondo Russo” annettendo anche il Donbass, Kharkiv e gran parte del centro sud Ucraino per arrivare fino in Moldavia, dopo essersi reso conto che il costo sarebbe stato troppo elevato sta cercando di creare le condizioni politiche per riprendere il controllo dell’Ucraina. Se dovesse fallire la Tymoshenko che, pur non essendo certamente la candidata del Cremlino è quella che più potrebbe portare ad accordi favorevoli per Putin, penso che la Russia aumenterà da un lato la pressione militare e dall’altro quella economica, non tanto diretta visto che ormai la Russia rappresenta una parte estremamente limitata dagli scambi commerciali Icraini, ma indiretta sfruttando i governi amici degli Stati UE.
Il carbone è una delle componenti di questa guerra economica: viene comprato sotto costo dalla Russia “amica del Donbass” solo per privarlo all’Ucraina che è costretta a pagarlo di più. Con il passare del tenpo questa arma diventa senpre meno affilata visto che già oggi l’Ucraina ha raggiunto il 10% di rinnovabili che diventeranno il 20% nel 2020 e unite al nucleare copriranno circa l’80% della produzione e la totalità del fabbisogno nazionale (l’Ucraina è un esportatore di energia elettrica).
Avatar utente
andbod
Admin
Admin
 
Messaggi: 7196
Iscritto il: domenica 7 dicembre 2008, 1:40
Residenza: Lviv Ucraina
Anti-spam: 56

Re: Venti di guerra

Messaggiodi jcaloe il mercoledì 20 febbraio 2019, 14:13

Concordo pienamente con l'analisi di Andbod, ma esterno qualche riflessione in merito. Che gli Ucraini non abbiamo ancora metabolizzato un odio nei confronti dei Russi è evidente, soprattutto a chi, come me, vive in Ucraina. Frequento questo paese da 12 anni e vi vivo stabilmente da quasi quattro ed a parte sporadici episodi, quale, per esempio, qualche dimostrazione dinanzi all'Ambasciata russa e dinanzi ad alcune filiali di Sberbank Rossia ed Alfa Bank, non ho mai percepito un chiaro sentimento antirusso, neanche nelle roccaforti culturali ucraine dell'Ovest del paese.

Io personalmente capisco l'ucraino non più del 40%, ma uso abbastanza bene il russo, ma non ho mai avuto problemi in merito, sia a Odessa, Dnipro, Kiev o Lviv. In un paio di occasioni, fermato dalla polizia su strada, mi è stato chiesto con educazione perché mi esprimessi in russo e non in ucraino. Ho risposto che se preferivano avrei potuto farlo in inglese o italiano.

Ma l'amicizia, per essere tale, deve essere a doppio senso: non si può considerare amico all'infinito chi ti manifesta inimicizia. Il popolo russo ha sviluppato e metabolizzato un sentimento negativo nei confronti dell'Ucraina, in quanto le uniche fonti da cui attingono informazioni sono quelle di stato, essendo palese che il regime di Putin ha il monopolio assoluto dell'informazione e dipinge l'Ucraina come un paese nazista, nemico della Russia ed il cui principale obiettivo è la distruzione del mondo russo.

Alcuni giorni fa in un centro commerciale di Lviv, su un panello pubblicitario è comparsa per alcuni minuti una svastica. Tali sistemi sono compiuterizzati ed è facile, oltre che logico, che trattasi dell'ennesimo attacco di hackers russi, coordinato con qualcuno sul posto, il quale ha immortalato l'evento con una telecamera, per poi trasmetterla a chi di dovere. Le televisioni russe hanno dato ampio risalto all'evento, con l'intento di alimentare l'opinione negativa che ormai i Russi hanno degli Ucraini, la cui maggiore colpa, agli occhi del regime autoritario di Putin, è quella di resistere all'ennesimo tentativo storico di sottometterla ed usarla in funzione dei propri interessi.

Del resto, per un paese, che spende circa un miliardo e cento milioni di euro l'anno, per tenere in piedi la sofisticata fabbrica di trolls di san Pietroburgo, mentre (fonte Rosstat, l'Istat russo) circa il 33% della popolazione non ha in casa i servizi igienici e l'acqua calda, è un gioco da ragazzi entrare in un server che si occupa di pubblicità e sovrapporvi le immagini più opportune.

Le fake news prodotte dalla Russia, intese a dare un'immagine negativa dell'Ucraina, sono prodotte allo stesso ritmo del pane in un panificio. Qualche giorno fa ho avuto uno scambio di messaggi con l'On. Emanuele Fiano, PD, il quale mi ha posto questo quesito:<<Esiste in Ucraina una orgogliosa memoria del battaglione Galizia delle Waffen SS>>? Ho risposto che qualche esagitato vi è dappertutto, anche in Ucraina, ma come potrebbe essere vero ciò in un paese che lo stesso PM Israeliano, Benjamin Netanyauh, ha definito il più filo-ebraico d'Europa, unico paese al mondo, oltre Israele, ad avere un ebreo etico e praicante quale capo del Governo, oltre 30 parlamentari ebraici nella Rada.

Si è scusato, affermando che si è fatto prendere la mano dalla propaganda russa. Ritengo, pertanto, che il sentimento di amicizia del popolo ucraino nei confronti di quello russo è destinato col tempo ad affievolirsi, perchè non si può essere amici con chi persegue l'obiettivo, per nulla velato, di distruggere lo stato ucraino, per poi saccheggiarlo e sottomettendolo, come hanno fatto già in Donbass. Prendete il caso della Bielorussia, in teoria il paese più amico della Russia, in pratica adibito ad orto, senza la possibilità di avere e politiche proprie ed autonome, sbeffeggiato continuamente dal Cremlino. Lo stesso Lukashenko, non proprio un campione di democrazia, mal sopporta l'autoritarismo di Putin, perché sa benissimo che l'abbraccio sempre più stretto versa la Russia alla fine si rivelerà mortale ed il suo paese è destinato a diventare una delle tante province della sconfinata Santa Madre Russia, mentre la lingua e la cultura bielorussa, che sono già uscite molto appannate dall'esperienza sovietica, tenderanno a scomparire del tutto.
Avatar utente
jcaloe
MASTER
MASTER
 
Messaggi: 1034
Iscritto il: martedì 22 giugno 2010, 13:10
Residenza: Kiev
Anti-spam: 42

Re: Venti di guerra

Messaggiodi dreamcatcher il mercoledì 20 febbraio 2019, 14:53

E' una 'globalizzazione' anche questa, solo che siccome è storica, a molti dà meno fastidio della globalizzazione 'mcdonalds' e fanno finta di non vederla.
Avatar utente
dreamcatcher
MODERATORE
MODERATORE
 
Messaggi: 7648
Iscritto il: giovedì 1 luglio 2010, 10:38
Residenza: Como
Anti-spam: 56

Re: Venti di guerra

Messaggiodi Gianmarco58 il mercoledì 20 febbraio 2019, 15:42

E' solo un parere come un altro. Certo che se uno chiede all'acquaiolo se la sua acqua è buona, lui ti dirà che la sua è la migliore e le altre fanno schifo.
Povero PD, è messo proprio male! :lol: :lol: :lol:
Gli uomini sono sanguinari, NON le Ideologie! (Peterthegreat)
Avatar utente
Gianmarco58
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 2344
Iscritto il: martedì 11 settembre 2012, 9:32
Località: Milano e Odessa
Residenza: Milano e Odessa
Anti-spam: 42

Re: Venti di guerra

Messaggiodi jcaloe il mercoledì 20 febbraio 2019, 17:52

A mio giudizio ci sono i pareri, che sono del tutto personali, e riflettono la opinione di ciascuno e ci sono fatti appurati ed incontrovertibili. Per esempio se uno si pone la domanda: come è l'acqua del Cremlino? Credo che nessuno possa confutare che trattasi di acqua avvelenata, magari con qualche dose di Polonio 210 o gas nervino Novichok.
Avatar utente
jcaloe
MASTER
MASTER
 
Messaggi: 1034
Iscritto il: martedì 22 giugno 2010, 13:10
Residenza: Kiev
Anti-spam: 42

Re: Venti di guerra

Messaggiodi markus il mercoledì 20 febbraio 2019, 19:25

jcaloe ha scritto:A mio giudizio ci sono i pareri, che sono del tutto personali, e riflettono la opinione di ciascuno e ci sono fatti appurati ed incontrovertibili.


Concordo in pieno.
Avatar utente
markus
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 1896
Iscritto il: giovedì 13 marzo 2014, 12:18
Residenza: Basarabia
Anti-spam: 42

Re: Venti di guerra

Messaggiodi Gianmarco58 il mercoledì 20 febbraio 2019, 19:38

Certe incontrvertibilità possono anche essere soggettive, io ho bevuto l'acqua del Cremlino ed era ottima :D
Gli uomini sono sanguinari, NON le Ideologie! (Peterthegreat)
Avatar utente
Gianmarco58
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 2344
Iscritto il: martedì 11 settembre 2012, 9:32
Località: Milano e Odessa
Residenza: Milano e Odessa
Anti-spam: 42

PrecedenteProssimo

Torna a Attualita' politica





Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron