Supporto ai rifugiati

Tutti i problemi nascosti o seminascosti, tutto quello che è fuori dalla sfera della vacanza e del viaggio di piacere.

Supporto ai rifugiati

Messaggiodi andbod il lunedì 10 novembre 2014, 9:04

Segnalo questo sito predisposto per il supporto ai rifugiati e dislocati del Donbass e della Crima (essendo un sito istituzionale lascio il link attivo) :

http://migrants.gov.ua/

Sono indicate le procedure da seguire per lasciare le zone del conflitto, per ottenere le pensioni, l'indicazione su dove trovare ospitalità gratuita nelle varie Regioni, le offerte di lavoro per i rifugiati.
Avatar utente
andbod
Admin
Admin
 
Messaggi: 7164
Iscritto il: domenica 7 dicembre 2008, 1:40
Residenza: Lviv Ucraina
Anti-spam: 56


Re: Supporto ai rifugiati

Messaggiodi Gianmarco58 il lunedì 10 novembre 2014, 11:11

andbod ha scritto:Segnalo questo sito predisposto per il supporto ai rifugiati e dislocati del Donbass e della Crima (essendo un sito istituzionale lascio il link attivo) :

http://migrants.gov.ua/

Sono indicate le procedure da seguire per lasciare le zone del conflitto, per ottenere le pensioni, l'indicazione su dove trovare ospitalità gratuita nelle varie Regioni, le offerte di lavoro per i rifugiati.

Grazie andbod, ottima informazione.
Ciao
L'Ucraina è un Paese dove chi va per fare il suonatore, molto spesso rimane suonato.
Per chi invece va solo ad ascoltare loro musica, è un Paese dove si sta ancora bene.
Avatar utente
Gianmarco58
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 2143
Iscritto il: martedì 11 settembre 2012, 9:32
Località: Milano e Odessa
Residenza: Milano e Odessa
Anti-spam: 42

Re: Supporto ai rifugiati

Messaggiodi andrey il martedì 17 febbraio 2015, 10:00

Circola sul web la notizia che dopo il Minsk 2
ci sia la possibilita' di richiedere lo status di rifugiato per coloro che risiedono nei territori occupati dai russi e terroristi
E'tutto da verificare copio incollo il file appena posso faccio un collegamento


Permesso di soggiorno per rifugiati
Una informazione che potrebbe essere utile agli amici Ucraini che vivono in Italia e che hanno parenti o amici residenti nelle zone occupate dai Terroristi

Ai sensi dell’art. 1, lett. a), della Convenzione di Ginevra del 1951 è rifugiato “chi temendo a ragione di essere perseguitato per motivi di razza, religione, nazionalità, appartenenza ad un determinato gruppo sociale o per le sue opinioni politiche, si trova fuori del Paese di cui è cittadino e non può o non vuole, a causa di questo timore, avvalersi della protezione di questo Paese; oppure che, non avendo una cittadinanza e trovandosi fuori del Paese in cui aveva residenza abituale a seguito di siffatti avvenimenti, non può o non vuole tornarvi per il timore di cui sopra”.


Può richiedere asilo nel nostro Paese il cittadino straniero che ha il fondato timore di essere perseguitato nel suo paese di origine per motivi di:
razza: si riferisce, in particolare, a considerazioni inerenti al colore della pelle, alla discendenza o all’appartenenza ad un determinato gruppo etnico;
religione: include le convinzioni ateiste e la partecipazione/astensione a/da riti di culto celebrati in privato o in pubblico, sia singolarmente sia in comunità, altri atti religiosi o professioni di fede, nonché le forme di comportamento personale o sociale fondate su un credo religioso o da esso prescritte;
nazionalità: non si riferisce esclusivamente alla cittadinanza ma anche, più semplicemente, all’appartenenza ad un gruppo caratterizzato da un’identità culturale, etnica o linguistica, comuni origini geografiche o politiche o la sua affinità con la popolazione di un altro Stato;
particolare gruppo sociale: è quello costituito da membri che condividono una caratteristica innata o una storia comune, che non può essere mutata oppure condividono una caratteristica o una fede che è così fondamentale per l’identità o la coscienza che una persona non dovrebbe essere costretta a rinunciarvi;
opinione politica: si riferisce, in particolare, alla professione di un’opinione, un pensiero o una convinzione su una questione inerente ai potenziali persecutori e alle loro politiche o ai loro metodi, indipendentemente dal fatto che il richiedente abbia tradotto tale opinione, pensiero o convinzione in atti concreti.
A questi fini, però, è necessario che i responsabili della persecuzione o del danno grave nel paese di provenienza dello straniero siano:
lo Stato;
i partiti o le organizzazioni che controllano lo Stato o una parte consistente del suo territorio;
anche soggetti non appartenenti allo Stato qualora, però, quest’ultimo si rifiuti di fornire protezione contro persecuzioni o danni gravi.


Il dettato dell'articolo 1 si sposa perfettamente con l'attuale situazione creatasi in alcune zone del Donbass controllate dai terroristi.

Cosa deve fare il cittadino Ucraino residente in quelle zone che si trova ospite di parenti in Italia ?

Deve presentare la domanda alla Questura di residenza del familiare soggiornante regolarmente in Italia, la Questura rilascia una ricevuta di avvenuta presentazione della domanda ed invia il tutto alla commissione che valuterà l'esistenza dei requisiti per il rilascio del permesso di soggiorno.
Durante tutto il tempo dell'attesa il cittadino Ucraino che ha presentato questa domanda risulta essere regolare sul territorio Italiano in forza della ricevuta rilasciata dalla Questura.
Non ci sono termini di tempo per la presentazione della domanda. La domanda può essere presentata anche dopo gli otto giorni cui sembra fare riferimento la procedura.
La domanda sarà verbalizzata dai funzionari di polizia utilizzando un modello, detto C3, che contiene molte informazioni di carattere anagrafico e poche domande sulle cause che hanno spinto il richiedente ad allontanarsi dal proprio paese e chiedere protezione.
E’ consigliabile quindi, al momento della richiesta di asilo, consegnare agli atti una memoria scritta, nella propria lingua e/o con una traduzione. E' molto importante documentare bene ove si ha la residenza da dove si scappa e corredarla dettagliatamente di informazioni relative alla guerra in quella zona (foto, video youtube, rapporti circa le operazioni militari, fatti gravi successi come la morte di civili, eventuali foto di casa o vicinanze danneggiate da ordigni, informazioni sull'organizzazione che controlla quel territorio, DNR,LNR,Vostok, Cosacchi etc., di quali crimini si sono già macchiate queste organizzazioni terorristiche) in pratica tutto il materiale possibile che faccia comprendere ai membri della commissione (che probabilmente a malapena sanno dove sia l'Ucraina sulla carta geografica) e che descriva la reale situazione di quella località.

Se lo straniero è in possesso di passaporto dovrà consegnarlo alla Polizia, con quattro foto, il domicilio eletto (dovrà consegnare quindi la dichiarazione di ospitalità e relativi documenti, contratto d’affitto o rogito e documento d’identità dell’ospitante) e sarà sottoposto a rilievi fotodattiloscopici.

L’autorità competente alla decisione in merito alla domanda di protezione internazionale è la Commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale.

Le Commissioni attualmente sono dieci, portate a venti con il Decreto Legge n. 119 del 22 agosto 2014

GORIZIA: competenza sulle domande presentate nelle regioni Friuli-Venezia Giulia, Veneto, Trentino Alto Adige
MILANO: competenza sulle domande presentate nella regione Lombardia
ROMA: competenza sulle domande presentate nelle regioni (*) Lazio, Sardegna e Umbria
FOGGIA: competenza sulle domande presentate nelle province di Foggia e Barletta-Andria-Trani
SIRACUSA: competenza sulle domande presentate nelle province di Siracusa, Ragusa, Caltanissetta, Catania
CROTONE: competenza sulle domande presentate nelle regioni Calabria e Basilicata
TRAPANI: competenza sulle domande presentate nelle province di Agrigento, Trapani, Palermo, Messina, Enna
BARI: competenza sulle domande presentate nelle province di Bari, Brindisi, Lecce e Taranto
CASERTA: competenza sulle domande presentate nelle regioni Campania, Molise, Abruzzo e Marche(*)
TORINO: competenza sulle domande presentate nelle regioni Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria, Emilia Romagna, Toscana

La Commissione Territoriale può :
riconoscere una forma di protezione internazione, asilo politico o protezione sussidiaria, non riconoscere alcuna forma di protezione
rigettare la domanda per manifesta infondatezza, valutare la domanda inammissibile (qualora sia già stata esaminata da altro paese europeo)
per motivi non riconducibili alla sicurezza della persona ma per gravi motivi umanitari, può chiedere alla Questura il rilascio di un permesso per protezione umanitaria (si noti che sono differenti dai ps per motivi umanitari rilasciati fino al gennaio 2008, parificati alla protezione sussidiaria)

Il riconoscimento dello status di rifugiato consente:

il rilascio di un permesso di soggiorno per asilo politico della durata di 5 anni;
il rilascio del titolo di viaggio per rifugiati per potersi recare all’estero;
il rilascio del tesserino di rifugiato che consente ulteriori rinnovi e pratiche;
di fare richiesta di cittadinanza per naturalizzazione dopo soli 5 anni;
di ricongiungere la propria famiglia, o effettuare una coesione, in base ai requisiti previsti dalla legge (art.29 bis D.lgs. 286/98), ma senza dimostrare alloggio e reddito, e con facilitazioni per quanto riguarda i documenti attestanti il legame familiare;

accesso all’occupazione;
accesso all’istruzione;
assistenza sanitaria e sociale (invalidità civile, assegno di accompagnamento, assegno di maternità) a parità coi cittadini italiani.

L’esame della domanda tramite convocazione del richiedente dovrebbe avvenire entro 30 giorni dalla richiesta e la decisione dovrebbe essere presa nei tre giorni successivi.

In caso di esito negativo è possibile presentare istanza di riesame. La richiesta si può fare solo nel caso in cui ricorrano elementi nuovi o documenti prima non reperibili.

Sebbene la normativa lo preveda esplicitamente solo per chi sia trattenuto è possibile comunque inviare richiesta di riesame alla Commissione che ha esaminato la domanda, qualora si ritenga che elementi importanti non siano stati esaminati o siano sopraggiunti in seguito. E’ necessario comunque fare ricorso per poter permanere in Italia.

La domanda presentata per richiedere lo status di rifugiato o lo status di protezione sussidiaria non prevede costi. Qualora gli status vengano riconosciuti, il successivo rilascio del permesso di soggiorno è soggetto ai costi di marca da bollo (euro 16,00 di marca da bollo) e a quelli di rilascio del permesso elettronico (euro 27,50).
«Lottate e vincerete!»,Taras Ševčenko ai popoli soggetti al dominio imperiale di Mosca "QUANDO TRA IL PANE E LA LIBERTÀ IL POPOLO SCEGLIE IL PANE, PRIMO O POI SI PERDERÀ TUTTO, COMPRESO IL PANE" Stepan Bandera
СЛАВА УКРАЇНІ CON IL CUORE VIVA UCRAINA
Avatar utente
andrey
MODERATORE
MODERATORE
 
Messaggi: 5541
Iscritto il: lunedì 7 maggio 2007, 7:59
Residenza: firenze,lviv(resistenza)
Anti-spam: 42

Re: Supporto ai rifugiati

Messaggiodi fortuna il venerdì 13 marzo 2015, 15:37

Ciao a tutti. Vivo in Italia da 10 anni. Il miei 2 figli maggiorenni vivono in ucraina a Ternopil. Vorrei chiedervi se venissero da me, potrebbero chiedere status di rifugiati? Perche sono preoccupata per loro. Vi prego aiutatemi, rispondendo alle domande. Grazie mille.
Ultima modifica di fortuna su venerdì 13 marzo 2015, 15:55, modificato 1 volte in totale.
Avatar utente
fortuna
TURISTA
TURISTA
 
Messaggi: 6
Iscritto il: domenica 3 agosto 2014, 23:20
Residenza: Brescia
Anti-spam: 42

Re: Supporto ai rifugiati

Messaggiodi fortuna il venerdì 13 marzo 2015, 15:42

Grazie mille in anticipo.
Avatar utente
fortuna
TURISTA
TURISTA
 
Messaggi: 6
Iscritto il: domenica 3 agosto 2014, 23:20
Residenza: Brescia
Anti-spam: 42

Re: Supporto ai rifugiati

Messaggiodi andrey il venerdì 13 marzo 2015, 15:51

non siamo nessuno di noi a poter dire chi puo'avere o non avere lo status di rifugiato
stando a quanto scritto sopra tutto da vedere come viene applicata
dopo il minsk 2 sul cessate il fuoco in Ucraina
possono presentare domanda i residenti nelle zone ATO o del Donbass occupato dai russi che dir si voglia
che si trovano in Italia
«Lottate e vincerete!»,Taras Ševčenko ai popoli soggetti al dominio imperiale di Mosca "QUANDO TRA IL PANE E LA LIBERTÀ IL POPOLO SCEGLIE IL PANE, PRIMO O POI SI PERDERÀ TUTTO, COMPRESO IL PANE" Stepan Bandera
СЛАВА УКРАЇНІ CON IL CUORE VIVA UCRAINA
Avatar utente
andrey
MODERATORE
MODERATORE
 
Messaggi: 5541
Iscritto il: lunedì 7 maggio 2007, 7:59
Residenza: firenze,lviv(resistenza)
Anti-spam: 42

Re: Supporto ai rifugiati

Messaggiodi andbod il venerdì 13 marzo 2015, 19:40

Se residenti nella zona di Ternopil purtroppo dubito che non rientrino nelle zone previste, inoltre se in età abile al servizio militare o, ancora peggio, se già richiamati in servizio temo potrebbero avere problemi anche lato Ucraino dopo l'istituzione del registro unico militare (anche se per ora non è ancora collegato al database delle guardie di frontiera).

Temo che solo in seguito ad acquisizione di cittadinanza Italiana e in presenza di carico sia possibile il ricongiungimento.
Avatar utente
andbod
Admin
Admin
 
Messaggi: 7164
Iscritto il: domenica 7 dicembre 2008, 1:40
Residenza: Lviv Ucraina
Anti-spam: 56


Torna a Problemi dell'Ucraina.





Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti