RICONGIUNGIMENTO CON FIGLIO MINORE

Ricongiungimento con il figlio o la figlia maggiorenni.

RICONGIUNGIMENTO CON FIGLIO MINORE

Messaggiodi kitcom il giovedì 27 marzo 2008, 16:09

Buongiorno,

c'è qualcuno che mi può aiutare a risolvere un'enigma un po' particolare??

Ho un'amica Ucraina che avrebbe intenzione di portare qui in Italia suo figlio minorenne, ma purtroppo senza il consenso del padre, c'è qualcuno che mi può dire se esiste una soluzione oppure deve farsi assistere legalmente da un avvocato italiano o ucraino??

Grazie e saluti. :roll:
Avatar utente
kitcom
VIAGGIATORE
VIAGGIATORE
 
Messaggi: 23
Iscritto il: lunedì 15 ottobre 2007, 9:27
Località: Pavia


Messaggiodi uvdonbairo il giovedì 27 marzo 2008, 16:39

Ciao Kitcom

senza il consenso del padre non è possibile.

Purtroppo non sono a conoscenza delle procedure di causa civile per ottenere questo consenso.

Saluti
Avatar utente
uvdonbairo
Admin
Admin
 
Messaggi: 4654
Iscritto il: martedì 29 agosto 2006, 14:02
Località: Lucca
Residenza: Lucca
Anti-spam: 56

Messaggiodi pianoscarano il giovedì 27 marzo 2008, 19:41

come già detto da UV
senza il consenso del padre .....

Se riesce la madre a fargli levare la patria potestà
o a farsi rilasciare da un tribunale in UA che il figlio è comoletamente a suo carico....allora è altro discorso :wink:
Avatar utente
pianoscarano
MODERATORE
MODERATORE
 
Messaggi: 594
Iscritto il: domenica 25 marzo 2007, 18:56
Località: viterbo
Residenza: viterbo
Anti-spam: 42

Re: RICONGIUNGIMENTO CON FIGLIO MINORE

Messaggiodi jotaro il domenica 28 dicembre 2008, 16:00

Ciao rispolvero un po questo post, per chiedere una domanda per un caso quasi simile...allora ragazza ucraina con figlio minore avuto senza essere sposata (solo convivenza) nel caso lei voglia portare il figlio in italia avrebbe problemi in questo caso? vale lo stesso la regola del consenso del padre?
Avatar utente
jotaro
ESCURSIONISTA
ESCURSIONISTA
 
Messaggi: 53
Iscritto il: domenica 28 dicembre 2008, 13:28
Residenza: London - United Kingdom
Anti-spam: 56

Re: RICONGIUNGIMENTO CON FIGLIO MINORE

Messaggiodi pcamilla il domenica 28 dicembre 2008, 16:21

Se c'è un padre, che sia sposata o no , la regola è sempre uguale.
Non si diventa padre solo se si è sposati, ma dalla nascita del figlio\a se riconosciuto.

Ciao

Paolo
Due cose sono infinite: l’universo e la stupidità umana, ma riguardo l’universo ho ancora dei dubbi.
Albert Einstein
Avatar utente
pcamilla
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 1312
Iscritto il: giovedì 4 dicembre 2008, 22:30
Località: Savona
Residenza: Savona
Anti-spam: 56

Re: RICONGIUNGIMENTO CON FIGLIO MINORE

Messaggiodi jotaro il domenica 28 dicembre 2008, 17:50

Grazie dell'info Paolo!

ora resta da chiarire questo padre come si è comportato circa il riconoscimento del pargolo :roll:

Stay tuned!
j.
Avatar utente
jotaro
ESCURSIONISTA
ESCURSIONISTA
 
Messaggi: 53
Iscritto il: domenica 28 dicembre 2008, 13:28
Residenza: London - United Kingdom
Anti-spam: 56

Re: RICONGIUNGIMENTO CON FIGLIO MINORE

Messaggiodi jotaro il domenica 28 dicembre 2008, 18:00

C'è il tasto modifica post!? se c'è io non l'ho visto! :oops:

Comunque tornando al discorso di prima, quindi nel caso che il padre non rinuncia alla patria podestà, il figliolo non potrà seguire la madre finchè non sarà maggiorenne, giusto!?

Ussignur che robe complesse!
j.
Avatar utente
jotaro
ESCURSIONISTA
ESCURSIONISTA
 
Messaggi: 53
Iscritto il: domenica 28 dicembre 2008, 13:28
Residenza: London - United Kingdom
Anti-spam: 56

Re: RICONGIUNGIMENTO CON FIGLIO MINORE

Messaggiodi Forrest Gump il domenica 28 dicembre 2008, 18:04

Le norme da applicare sono quelle ucraine, perchè sia madre, sia padre, sia il figlio minore sono di nazionalità ucraina.

Ne consegue che l'eventuale avvocato da consultare deve necessariamente essere ucraino.

Prima di prendere l'abilitazione, ho fatto due anni di praticantato presso uno studio legale e ricordo che, in tema di tutela dei minori, le norme di molti paesi sono simili.

Le norme italiane prevedono, in caso di latitanza o di non assenso di uno dei genitori, il deposito di un ricorso presso la Cancelleria del Giudice Tutelare.

Il ricorso deve essere redatto da un avvocato munito di procura rilasciata dal coniuge istante e deve contenere le motivazioni e le ragioni della richiesta.

Il coniuge che non ha, voluto o potuto, prestare il consenso sua sponte, deve essere convocato davanti al Giudice previa notifica del ricorso stesso e del decreto di fissazione di udienza ed ha diritto a nominare un suo difensore di fiducia che depositerà un controricorso.

Il giorno dell'udienza, il Giudice tutelare,verificata la regolarità delle notifiche ed alla presenza del P.M. (necessaria ogni qualvolta si tratti di diritti di minori) ascolta i coniugi e, letto ricorso e controricorso, emette il provvedimento di autorizzazione o di diniego.

La procedura è identica nel caso in cui uno dei genitori voglia rinnovare il passaporto scaduto ed il coniuge separato o l'ex coinge divorziato gli nega il consenso.
"L'uomo saggio aspetta il momento giusto, il pazzo lo anticipa, l'imbecille lo lascia passare". (tratto dal film "Mai arrendersi")
Avatar utente
Forrest Gump
Admin
Admin
 
Messaggi: 6318
Iscritto il: sabato 5 luglio 2008, 18:04
Località: Puerto Banùs (Spain)
Residenza: Kiev Ucraina
Anti-spam: 56


Torna a Ricongiungimento familiare





Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron