Regime visa free

Tutti i problemi nascosti o seminascosti, tutto quello che è fuori dalla sfera della vacanza e del viaggio di piacere.

Re: Regime visa free

Messaggiodi markus il venerdì 22 febbraio 2019, 16:24

Perché bisogna sposarsi ? Nel mio caso, padre di cittadine minorenni moldave, non era possibile ottenere (per legge) PDS moldavo, mi è stato dato PDS provvisorio per “gentile concessione”.

Due anni fa la legge è cambiata. Ho fatto l’esame di lingua di stato, esame passato quindi risulta che “sono integrato” di conseguenza adesso ho PDS moldavo permanente.

Nulla contro gli immigrati, però penso che se si vogliono immigranti bisogna anche essere in grado di dare loro la possibilità di lavorare, quindi di guadagnare onestamente e condurre una vita normale.

Se poi piacciono gli immigranti che si occupano di spaccio, sfruttamento della prostituzione, piccoli furti ecc. ecc. Questo a me non piace. Qui in Moldova sono molto severi con gli immigranti che pensano di poter fare quello che vogliono. Da questo lato non posso fare altro che dire “un punto a favore della Moldova”.
Avatar utente
markus
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 2229
Iscritto il: giovedì 13 marzo 2014, 12:18
Residenza: Basarabia
Anti-spam: 42


Re: Regime visa free

Messaggiodi dreamcatcher il venerdì 22 febbraio 2019, 16:43

vittorio_guido ha scritto:Ma te ti sposi, fai prendere la cittadinanza a moglie e figlio, ed hai finito con le scartoffie... :lol:

Non esattamente, o meglio, non nell'immediato. Per quando avrebbero la cittadinanza, stando alle nuove normative, il ragazzo diventerebbe già maggiorenne.

Però sono certo che hai capito cosa intendessi dire: le scartoffie servono alla madre del bambino per dimostrare qualcosa che è palese, ovvero che il bambino è con lei e che il padre non c'è.
Che il padre non ci sia, oltre che dal giudice, è scritto nero su bianco anche dalle autorità di polizia. Di fatto però lui ha facilità nel reperire i documenti che gli consentono perfino di lavorare all'estero (oltre a non sborsare un copeco di quanto dovrebbe per il figlio), la madre invece ogni volta viene fermata in dogana e sottoposta a interrogatorio. la domanda più bella è "dov'è il padre del ragazzo?"

Ma è un caso tra tanti. Una goccia nell'oceano se paragonata al fenomeno dell'immigrazione nella sua complessità. Non c'è nei politici alcun contatto con la realtà, e questo non fa altro che agevolare il parto di normative sempre più inutili e stupide.
Avatar utente
dreamcatcher
MODERATORE
MODERATORE
 
Messaggi: 8100
Iscritto il: giovedì 1 luglio 2010, 10:38
Residenza: Como
Anti-spam: 56

Re: Regime visa free

Messaggiodi dreamcatcher il mercoledì 17 luglio 2019, 9:22

Ieri insieme alla mia bella, sono atterrate in Italia anche sua sorella e la bambina piccola.

Dall'Ucraina si sono recate in Moldavia, a Chisinau (viaggio in notturna dato che l'aereo partiva alle 6, hanno detto che la strada in Moldavia da Mirnoe a Chisinau è molto bella, ed anche la Odesa Reni è migliorata molto, a tratti addirittura illuminata), in dogana tempi di attesa molto brevi praticamente solo per controllare l'autorizzazione del padre della piccola.

In aeroporto a Chisinau, al momento del checkin, è stato fatto presente alla mamma della piccola che, non essendo in possesso del biglietto di ritorno, con molte probabilità sarebbe stata fermata dalle guardie di Orio al Serio e rispedita indietro.
E' stato specificato che, nel caso di un rimpatrio, wizzair non si sarebbe certo accollata i costi del viaggio.

All'arrivo, è invece stato controllato solo il passaporto biometrico, le è stato chiesto se avesse soldi con sè, se avesse un'assicurazione sanitaria (l'ha fatta ma solo per la bambina) e per quanto tempo si sarebbe fermata. Ha risposto 'un paio di mesi', al che le è stato ricordato il limite dei 90 giorni e le è stato chiesto di fornire un indirizzo di riferimento, ovvero il nostro.
Zero rimpatri :mrgreen:

Due considerazioni.
Come detto più volte, a discrezione della polizia di frontiera l'ingresso può essere negato. D'altra parte il biglietto di ritorno non è un documento obbligatorio, dato che in teoria uno potrebbe anche ritornare in patria in macchina. Stavolta abbiamo voluto rischiare perchè ci è stato detto da più di un conoscente che mai hanno preteso il biglietto di ritorno (a noi, in passato in regime di visti, sempre), ed infatti non ci sono stati problemi.

Seconda considerazione: l'addetta di Wizzair, se avesse avuto la certezza di un respingimento a Orio, non avrebbe fatto imbarcare mia cognata.
Da quello che so, se viene negato l'ingresso, le spese del rientro sono a carico della compagnia, a meno che questa non abbia poi modo di rifarsi sul passeggero... cosa che fin'ora non ho mai sentito sia accaduta.

Anni fa, la mia bella con regolare visto arrivò per la prima volta in schengen e fu rispedita indietro dalla polizia bulgara, con viaggio di ritorno gratuito :mrgreen:
Avatar utente
dreamcatcher
MODERATORE
MODERATORE
 
Messaggi: 8100
Iscritto il: giovedì 1 luglio 2010, 10:38
Residenza: Como
Anti-spam: 56

Re: Regime visa free

Messaggiodi Forrest Gump il mercoledì 17 luglio 2019, 9:41

Confermo che è onere di tutte le compagnie aeree quello di verificare che i documenti di viaggio del passeggero siano in regola.
"L'uomo saggio aspetta il momento giusto, il pazzo lo anticipa, l'imbecille lo lascia passare". (tratto dal film "Mai arrendersi")
Avatar utente
Forrest Gump
Admin
Admin
 
Messaggi: 6837
Iscritto il: sabato 5 luglio 2008, 18:04
Località: Tra Marbella e Kiev
Residenza: Kiev Ucraina
Anti-spam: 42

Re: Regime visa free

Messaggiodi buccellato il giovedì 18 luglio 2019, 22:39

dreamcatcher ha scritto:Seconda considerazione: l'addetta di Wizzair, se avesse avuto la certezza di un respingimento a Orio, non avrebbe fatto imbarcare mia cognata.
Da quello che so, se viene negato l'ingresso, le spese del rientro sono a carico della compagnia, a meno che questa non abbia poi modo di rifarsi sul passeggero... cosa che fin'ora non ho mai sentito sia accaduta.

è così, gli addetti check-in devono conoscere i requisiti di ingresso nel paese di destinazione per la nazionalità del passeggero ed autorizzare o negare l'imbarco. non ha senso dire: vi imbarco ma secondo me vi respingono, perchè quando accade ne risponde la società che gestisce l'assistenza ai passeggeri nell'aeroporto ed indirettamente l'addetto stesso (che da quel momento diventa ottimo candidato alle pulizie..)
Come dici giustamente in teoria il volo di ritorno se lo deve pagare il passeggero ma accade nell'un per cento dei casi, anche perchè andrebbe emesso un regolare biglietto comprato circa dieci minuti prima della partenza che mediamente costa dalle dieci alle venti volte un biglietto comprato con calma a casa alla tariffa migliore
Avatar utente
buccellato
MASTER
MASTER
 
Messaggi: 391
Iscritto il: lunedì 13 maggio 2013, 20:06
Residenza: Pisa
Anti-spam: 42

Precedente

Torna a Problemi dell'Ucraina.





Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti