PENSIONE ITALIANA IN UCRAINA

Il sitema economico, monetario e bancario.

PENSIONE ITALIANA IN UCRAINA

Messaggiodi giannimaiolo il lunedì 7 maggio 2018, 12:46

Ciao a tutti ,
tra poco mi trasferirò in Ucraina , mi chiamo Gianni e da 4 anni sono sposato con una Ucraina, conosciuta in Italia ;
sto per andare in pensione , e vorrei sapere , la percentuale delle tasse in Ucraina su reddito da pensione Italiana , ovviamente intendo cambiare residenza e prenderla in Ucraina .....facendo tutta la trafila .

grazie infinite
gianni
Avatar utente
giannimaiolo
TURISTA
TURISTA
 
Messaggi: 1
Iscritto il: mercoledì 7 marzo 2018, 14:05
Residenza: Santarcangelo di Romagna
Anti-spam: 42


Re: PENSIONE ITALIANA IN UCRAINA

Messaggiodi dreamcatcher il lunedì 7 maggio 2018, 13:05

Per favore, è gradita una presentazione nella sezione apposita.
Grazie
Avatar utente
dreamcatcher
MODERATORE
MODERATORE
 
Messaggi: 7377
Iscritto il: giovedì 1 luglio 2010, 10:38
Residenza: Como
Anti-spam: 56

Re: PENSIONE ITALIANA IN UCRAINA

Messaggiodi marceff il domenica 3 giugno 2018, 7:06

Buongiorno,
anche io sarei in procinto di trasferimento come pensionato e per quel che so non dovrebbero esserci problemi di doppia tassazione, in virtù di accordi bilaterali che, per altro, l'Italia ha stipulato con numerosi paesi. Altra storia è la detassazione italiana e pagare le tasse in loco. Magari se qualcuno più informato potesse confermare...
Avatar utente
marceff
ESCURSIONISTA
ESCURSIONISTA
 
Messaggi: 70
Iscritto il: giovedì 27 aprile 2017, 21:52
Residenza: Roma - Kiev
Anti-spam: 42

Re: PENSIONE ITALIANA IN UCRAINA

Messaggiodi troviamoci50 il domenica 3 giugno 2018, 11:00

La tassazione in Ucraina è nettamente inferiore.
Per prendere la residenza in Ucraina ci vogliono 3 anni dopodiché si perde la residenza in Italia e si viene iscritto all'Aire.
Io valuterei bene prima di perdere la residenza in Italia, sanità e situazione bancaria non tanto chiara in Ucraina.
I costi sono nettamente inferiori, ma anche i servizi sono inferiori.
Un mese da turista è bello ma una seconda vita in Ucraina non so.
Io nel mio futuro vedo una piccola casa al mare che già possiedo, una casa in Ucraina che sta crescendo, un c.c bancario in Italia on-line un bonifico ogni mese in Ucraina su un conto in valuta e 180 giorni da vivere in Italia e 180 in Ucraina.
troviamoci50
Avatar utente
troviamoci50
ESPLORATORE
ESPLORATORE
 
Messaggi: 155
Iscritto il: mercoledì 15 agosto 2007, 22:52
Località: montebelluna/tv

Re: PENSIONE ITALIANA IN UCRAINA

Messaggiodi toto il giovedì 5 luglio 2018, 9:10

Sono 10 anni che vivo in Ucraina.Tutto ok qui per il medico di famiglia.Viene scelto adesso con le nuove norme in internet.A VS moglie lo sapra come fare.Per l'AIRE si fa in ambasciata in internet è possibile se avete la res.in Ucraina.Per le tasse li pagherete in italia almeno he avete la cittadinanza Ucraina.

Per il c/c dovete avere un conto in euro dopodiche lo comunicate all'inps.
Avrete un codice pin inps dove comunicate con loro in internet.
Avatar utente
toto
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 921
Iscritto il: sabato 21 novembre 2009, 10:43
Residenza: Nikolaev
Anti-spam: 56

Re: PENSIONE ITALIANA IN UCRAINA

Messaggiodi Forrest Gump il venerdì 15 marzo 2019, 22:09

PENSIONATI ITALIANI ALL'ESTERO.
LE RISPOSTE ALLE DOMANDE PIÛ FREQUENTI

Anche se non faccio più l'avvocato da quando cioè ho lasciato l'Italia per andare a fare impresa a Kiev, volevo dare il mio contributo su un argomento molto dibattuto che ho avuto modo di affrontare in prima persona aiutando mia madre, pensionata italiana residente all'estero.

Ecco in sintesi le risposte alle domande più comuni.

1) Cosa deve fare un pensionato italiano che vuole ricevere la propria pensione all'estero?

- cambiare la propria residenza fiscale: occorre risiedere nel paese straniero per almeno 183 giorni su 365;
- registrarsi all'Aire: rivolgersi al consolato italiano competente di zona;
- aprire un conto corrente nel paese di nuova residenza: vi daranno un codice Iban ed uno Swift (detto anche Bic) da comunicare successivamente all'ente che eroga la pensione;
- comunicare il cambio di residenza all'INPS: è possibile farlo anche telematicamente.

2) E' conveniente "spostare" la residenza fiscale fuori dall'Italia ed ottenere il pagamento della propria pensione all'estero ?

Nel 99% dei casi si. Il pensionato italiano che chiede la detassazione della propria pensione in Italia e di essere tassato secondo la normativa fiscale di un altro paese straniero, ha ben ragione di farlo in 192 casi su 196. Nel mondo ci sono infatti 196 stati: solo in 4 paesi la ritenuta fiscale applicata alla pensione lorda è più alta di quella italiana.

3) Corro il rischio di essere tassato due volte? In Italia e nel paese di residenza?

La regola universale del divieto di doppia imposizione fiscale sui redditi sembrerebbe escludere a priori la possibilità di essere tassati 2 volte: la prima volta in Italia e la seconda nel nuovo stato di residenza. Ed in effetti è così.
Ma, anche in questo caso, ci sono rarissime eccezioni: sono i casi dei pensionati INPDAD che si trasferiscono in stati con i quali l'Italia non ha firmato nessun accordo bilaterale).

4) Quanto risparmierò in tasse?

Abbiamo detto che in 192 paesi su 196 totali, riceverete una pensione netta più alta. Ma di quanto?
Non c'è una regola universale per tutte le destinazioni. L'Italia ha infatti sottoscritto una specifica convenzione bilaterale con quasi tutti gli stati. Motivo per il quale il pensionato residente in Spagna non avrà lo stesso identico trattamento fiscale del suo alter ego andato a vivere in Germania o in Tunisia.
Ci si può solo affidare alle statistiche che sostengono che la trattenuta fiscale applicata dallo stato italiano è mediamente più cara del 30% rispetto alla media europea.

5) Quando spostare la pensione all'estero non porta nessun giovamento economico?

Se siete stati dipendenti della pubblica amministrazione, quindi dipendenti statali o parastatali, dipendenti di regioni, comuni, province, militari, professori universitari, dipendenti di consolati ed ambasciate, appartenenti alle forze dell'ordine in generale...dalla Polizia alla Guardia Forestale, passando per i Vigili del Fuoco, Carabinieri, Guardia di Finanza ecc. potete anche fare domanda per ricevere la vostra pensione all'estero, ma la riceverete al netto della tassazione italiana. In altre parole, la vostra pensione sarà prima tassata in Italia e poi inviata all'estero.
C'è un elemento comune a tutti questi casi: l'ente che eroga la vostra pensione non è l'INPS, ma l'INPDAD.

6) Siete pensionati INPDAP? Poca scelta, ma c'è ancora dove andare.

Se fate parte di una delle categorie indicate al punto 5, dimenticate il Portogallo e la possibilità di ricevere la pensione "lorda" per i prossimi 10 anni. La vostra pensione sarebbe prima tassata in Italia e poi inviata in Portogallo e, conseguentemente, l'importo ricevuto all'estero sarebbe assolutamente identico a quello che ricevete in Italia.
Ci sono solo 4 paesi al mondo che consentono anche ai pensionati INPDAP di ricevere la propria pensione senza la trattenuta italiana. Trattasi di: Australia, Senegal, Tunisia e Cile. In questi casi basta pagare le tasse sulla pensione in loco. L' Australia è praticamente inaccessibile per le severissime norme sull'immigrazione, ma sono tanti gli ex dipendenti della pubblica amministrazione che hanno improvvisamente cambiato idea :D e dal Portogallo si sono trasferiti in Tunisia dove pagano il 20% di trattenuta SOLO sul 20% della pensione.
Qualche esempio?
- pensione di 1000 euro lordi:
800 euro sono tax free;
sui 200 rimanenti (cioè sul 20% del totale) pagherete un'aliquota del 20%, pari a 40 euro.
La vostra pensione netta sarebbe quindi in Tunisia di 960 euro.
- pensione lorda di 2000 euro? Moltiplicate x 2 i 960 euro.

7) Oltre la pensione, case e terreni.

- Casa rimasta in Italia.
"se hai casa in Italia, devi pagare le tasse all'Italia. Poco importa che tu sia residente a Londra o sulla Luna e poco importa che la casa sia intestata ad un cinese o al tuo cane. Il tuo cane od il cinese pagheranno le tasse all'Italia".
Sono le parole di un commercialista.
- Casa comprata nel nuovo paese di residenza.
Se siete residenti ufficialmente all'estero ed iscritti Aire, si dovranno pagare le tasse nel nuovo paese di residenza.
Ma, se avete lasciato la vostra residenza in Italia, sapevate che i vostri immobili all'estero vanno anch'essi dichiarati in Italia ?
Le sanzioni per la mancata dichiarazione nel quadro RW della dichiarazione dei redditi sono severe. Sembra illogico, ma se siete ancora residenti fiscali in Italia ed avete comprato casa all'estero, lo stato italiano pretende il pagamento delle tasse anche su questo immobile. Trattasi di Ivafe e Ivie.
Believe in yourself, focus on your goals, cut out negative people and keep moving forward
Avatar utente
Forrest Gump
Admin
Admin
 
Messaggi: 6198
Iscritto il: sabato 5 luglio 2008, 18:04
Località: Puerto Banùs (Spain)
Residenza: Kiev Ucraina
Anti-spam: 56


Torna a Economia e finanza in Ucraina





Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti