Nuove regole per la compravendita di valuta

Il sitema economico, monetario e bancario.

Nuove regole per la compravendita di valuta

Messaggiodi andbod il sabato 24 novembre 2012, 11:59

A partire dalla scorsa settimana sono entrate in vigore le nuove regole dell'NBU (Banca centrale Ucraina) a tutela della valuta nazionale, che prevedono l'obbligo automatico, da parte delle imprese che esportano all'estero, di convertire il 50% degli introiti ricevuti in valuta nazionale, oltre all'obbligo di conversione automatica di tutti i pagamenti ricevuti da residenti in Ucraina dall'estero, per ora con un limite molto elevato (circa 12.000 Euro) ma che da piu' parti si sostiene che verra' presto portato sotto i 10.000 Euro.

Di fatto ora quando un'azienda riceve un pagamento dall'estero, la banca ricevente converte automaticamente il 50% delle somme in UAH. Sinceramente mi pare un'ottima innovazione visto che in praticamente tutti gli Stati del mondo non esiste la possibilita' di avere conti in valuta straniera, se non di transito. Personalmente avrei finalmente eliminato i conti in valuta, avviando al contempo una semplificazione delle norme sui pagamenti verso l'estero (ora sono veramente un incubo), togliendo la necessita' della traduzione notariale delle fatture e dei contratti con l'estero qualora gli importi complessivi trasferiti in un anno verso un singolo fornitore fossero inferiori ad una cifra predeterminata.

La prossima settimana sara' inoltre al vaglio della NBU un ben piu' discussa norma che prevede una tassa (esisteva gia' in passato ma molto piu' contenuta) obbligatoria sulla vendita di valuta straniera. Si parla del 15% di tassazione di tutte le vendite di valuta straniera se effettuate da residenti o da non residenti che non abbiano il modulo di acquisto di pari importo.

Questa nuova normativa, aggiunta a quella di alcuni giorni fa che ha limitato la quantita' di valuta che ogni banca puo' acquistare senza documentazione ogni giorno, ha di fatto bloccato completamente il mercato ufficiale del cambio valuta. Nessuno vuole comprare dollari temendo che poi debba pagare una tassa per venderli e le banche comunque non hanno dollari a disposizione da vendere.

Ho sperimentato personalmente ieri a Lviv : dovevo cambiare 400 dollari e non c'e' stato verso in nessun cambio, ho dovuto effettuare l'operazione in banca, con aggravio di spese e perdita di tempo.

Il primo risultato di questa stretta monetaria e' che il dollaro e' nuovamente tornato a scendere ed e' nuovamente sotto quota 8,20. In alcuni cambi addirittura a 8,16 nel weekend.

Vedremo se la manovra' sara' destinata ad avere effetti duraturi, anche perche' la NBU ha speso, in un solo mese, quasi il 5% delle sue riserve monetarie per sostenere l'UAH in vista del prossimo anno, quando l'Ucraina dovra' restituire oltre 5 miliardi di USD al fondo monetario internazionale. Qualora il dollaro fosse oltre la soglia di 9, molti esperti ritengono che l'Ucraina potrebbe finire in default.

Sinceramente ritengo sia molto difficile visto che dal 1 Gennaio 2013 entrera' in vigore la seconda parte del codice delle tasse che aprira' la strada alla tassazione degli immobili con un gettito previsto superiore ai 4 miliardi di USD per le casse dello Stato, gia' ben rimpinguate dall'aumento delle tasse sulle piccole imprese avvenuto tra il 2011 e il 2012.
Avatar utente
andbod
Admin
Admin
 
Messaggi: 7186
Iscritto il: domenica 7 dicembre 2008, 1:40
Residenza: Lviv Ucraina
Anti-spam: 56


Re: Nuove regole per la compravendita di valuta

Messaggiodi Ciorni.voran il sabato 24 novembre 2012, 15:08

andbod ha scritto:La prossima settimana sara' inoltre al vaglio della NBU un ben piu' discussa norma che prevede una tassa (esisteva gia' in passato ma molto piu' contenuta) obbligatoria sulla vendita di valuta straniera. Si parla del 15% di tassazione di tutte le vendite di valuta straniera se effettuate da residenti o da non residenti che non abbiano il modulo di acquisto di pari importo.

Questa nuova normativa, aggiunta a quella di alcuni giorni fa che ha limitato la quantita' di valuta che ogni banca puo' acquistare senza documentazione ogni giorno, ha di fatto bloccato completamente il mercato ufficiale del cambio valuta. Nessuno vuole comprare dollari temendo che poi debba pagare una tassa per venderli e le banche comunque non hanno dollari a disposizione da vendere


In pratica se passa una norma del genere si fa un salto indietro di 20 anni.Si ributta il mercato dei cambi nella completa illegalità.La gente cambierà la valuta dietro le colonne per non farsi vedere e la cambierà solo nella stretta misura per soddisfare un bisogno temporaneo impellente.Chi regge il mercato dei cambi in nero avrà introiti immensi scambiando il denaro scontato a un prezzo inferiore al 15.Altra legge che colpisce i poveri e arricchisce gli speculatori.

Se la gente viene obbligata per legge a convertire in valuta nazionale e non lo fa volontariamente un motivo ci sarà.Evidentemente non ha fiducia nella sua moneta.Non ritroverà la fiducia solo perchè obbligata da una legge.Sono passaggi gravidi di incognite per il futuro,dagli esiti tutt'altro che scontati.

Mettere una patrimoniale sugli immobili,anche se oltre certe metrature,non farà altro che deprimere ulteriormente il mercato delle costruzioni e il valore di una parte degli immobili.E colpisce quelli che paradossalmente hanno avuto la sfortuna di poter accendere un mutuo pochi anno or sono,a prezzi di mercato quasi del doppio rispetto a quelli di oggi.Ovviamente la più colpita è l'edilizia residenziale non di lusso.
Il Mondo alla rovescia, quello del male, della follia distruttiva e dell’assurdo è difeso e costruito da un esercito di “medici pietosi”, di anime belle allo specchio, di persone che vanno dove le porta il cuore avendo lasciato la testa a casa.
Avatar utente
Ciorni.voran
MODERATORE
MODERATORE
 
Messaggi: 3172
Iscritto il: venerdì 13 novembre 2009, 23:43
Residenza: Territori di steppa
Anti-spam: 42

Re: Nuove regole per la compravendita di valuta

Messaggiodi Luca il sabato 24 novembre 2012, 16:20

Totalmente d'accordo con Ciorni.
Il fenomeno del cambio nero era praticamente scomparso.
L'imposizione dell'esibizione dei documenti al momento del cambio aveva già creato non poche difficoltà, quantomeno a livello organizzativo.

Per chi si è trovato a dover effettuare un cambio in aeroporto o in zone centrali delle grandi città l'attesa poteva essere anche molto lunga.
Se non ho capitolo male questa nuova imposta dovrebbe applicarsi a chiunque effettua un cambio (vendendo) di valuta straniera.

Chiedo lumi ad Andbod, ma francamente non mi pare una scelta lungimirante.
Avatar utente
Luca
MODERATORE
MODERATORE
 
Messaggi: 1442
Iscritto il: sabato 30 maggio 2009, 19:57
Località: Chieti
Residenza: Chieti
Anti-spam: 56

Re: Nuove regole per la compravendita di valuta

Messaggiodi andbod il sabato 24 novembre 2012, 18:07

Riguardo al cambio di valuta obbligatorio per i bonifici che arrivano dall'estero, in realta' la situazione Ucraina e' un unicum a livello internazionale. La norma era stata inizialmente varata per favorire le aziende esportatrici ma in realta' e' diventato uno strumento di speculazione finanziaria utilizzato da grandi banche e gruppi che mina l'intera stabilita' del sistema monetario.

Discorso ben diverso e' imporre una tassa cosi importante sulla vendita' della valuta. Una tassa piu' contenuta, come gia' esiste in molti paesi a supporto del turismo, sarebbe una scelta molto piu' podenderata ed eliminerebbe il rischio (anzi la certezza) della rinascita del mercato nero.

La Legge (o meglio il regolamento dell'NBU) se approvata si applichera' a tutte le vendite di valuta, tranne quelle effettuate dagli stranieri in possesso del modello di acquisto valuta, fino ad un massimo dell'importo equivalente a quello acquistato.

A peggiorare ulteriormente la situazione un disegno di Legge che giace da tempo alla Rada e che prevede l'abolizione di tutti gli uffici di cambio non legati ad istituzioni bancarie o finanziarie (in pratica il 90% dei cambi Ucraini).
Avatar utente
andbod
Admin
Admin
 
Messaggi: 7186
Iscritto il: domenica 7 dicembre 2008, 1:40
Residenza: Lviv Ucraina
Anti-spam: 56

Re: Nuove regole per la compravendita di valuta

Messaggiodi Forrest Gump il sabato 24 novembre 2012, 20:08

L'Ucraina continua a ballare, siamo sulle montagne russe, si sale, si scende, si accelera, si frena praticamente ogni mese ed in ogni settore.

Oggi è così, domani è colì, poi si torna come era prima.
Alla faccia della stabilità.
Altro che contratti ventennali, di cui si parlava in altro thread.
"L'uomo saggio aspetta il momento giusto, il pazzo lo anticipa, l'imbecille lo lascia passare". (tratto dal film "Mai arrendersi")
Avatar utente
Forrest Gump
Admin
Admin
 
Messaggi: 6254
Iscritto il: sabato 5 luglio 2008, 18:04
Località: Puerto Banùs (Spain)
Residenza: Kiev Ucraina
Anti-spam: 56

Re: Nuove regole per la compravendita di valuta

Messaggiodi doctor il sabato 24 novembre 2012, 23:25

Molto interessante questa mossa della Banca Centrale...
più che altro abbastanza astrusa..

A mio avviso la nuova tassa sulla vendita di valuta estera può portare due conseguenze, il fiorire del nero che mi sembra alle porte... e un ulteriore deprezzamento della grivna sul dollaro... mi spiego.. se io cambiavalute ho 100 dollari e voglio venderli alla popolazione in cambio di grivne ora ottengo 800 grivne circa.. ma se devo pagare una tassa ne vorrò di più.. tipo 850... correggetemi se sbaglio... di contro però scoraggerà l'acquisto di dollari da parte della popolazione che vede la loro valuta deprezzata solo al momento del cambio e non già nel portafoglio, o intimorita dalla possibilità di dover pagare una tassa al momento della rivendita della valuta estera...

Forse sono stato un pò contorto ma quando si parla di cambi bisogna fare attenzione...
Le valute dovrebbero essere lasciate libere di fluttuare, nel bene del mercato.. questo arricchirà qualcuno ma almeno evita enormi storture interne e pressioni sulle banche che alla lunga diventano insostenibili...

Di fatto però a noi frequentatori dell'UA con l'Euro in tasca non cambia quasi nulla, vendiamo gli eurini per le grivne ma non dovremmo pagare la tassa, giusto? se non fosse così sarebbe una mazzata pazzesca... poi il 15% di cosa? del controvalore? sarebbe folle!!

La Legge (o meglio il regolamento dell'NBU) se approvata si applichera' a tutte le vendite di valuta, tranne quelle effettuate dagli stranieri in possesso del modello di acquisto valuta, fino ad un massimo dell'importo equivalente a quello acquistato.


Scritto così sembra che per riacquistare gli Euro devo presentare il modulo...è corretto?

Chiedo numi perchè mi sembra intricato fatto salvo che la norma è ancora in discussione...


Ho notato una cosa quando sono stato a Lviv l'ultima volta.... i cambi al cambiavalute sono tutti leggermente più alti che quello ufficiale, sia acquisto che vendita... mi spiego, un giorno che l'euro quotava 10,50 ai cambiavalute si trovavano i cambi a 10,55 (acquisto) e 10,65 (la vendita) tutti i giorni sempre leggermente più alto anche rispetto al dollaro....misteri....
Avatar utente
doctor
ESPLORATORE
ESPLORATORE
 
Messaggi: 164
Iscritto il: mercoledì 4 aprile 2012, 11:31
Residenza: Padova
Anti-spam: 56

Re: Nuove regole per la compravendita di valuta

Messaggiodi andbod il domenica 25 novembre 2012, 2:17

doctor ha scritto:A mio avviso la nuova tassa sulla vendita di valuta estera può portare due conseguenze, il fiorire del nero che mi sembra alle porte... e un ulteriore deprezzamento della grivna sul dollaro

La mossa serve sia a fermare la speculazione che i pagamenti in dollari, molto diffusi in Ucraina, soprattutto per le mazzette. Il discorso e' semplice : se i dollari acquistati vengono spesi non c'e' problema in quanto li spendo all'estero e quindi non ci sono tasse. Se invece acquisto dei dollari per fare speculazione, la speculazione sara' conveniente solo se il cambio sale di oltre il 15%, cosa praticamente impossibile.

Anche chi prende mazzette le vorra' in UAH dovendo poi spendere il 15% per avere nuovamente una valuta convertibile a meno di non spenderle all'estero, ma in quel caso si espone al rischio di un controllo in aeroporto.

In questo modo si ottiene l'effetto di eliminare (o comunque ridurre molto) la speculazione della poplazione, resta pero' quella dei grandi gruppi finanziari e bancari che possono permettersi di tenere le riserve in dollari senza rivenderli, se non alla poplazione e quindi senza l'applicazione di nessuna tassa perche' la tassa e' gia' stata pagata da chi ha venduto i dollari alla banca.

Di fatto il discorso e' semplice : la speculazione e' un gioco riservato alle banche e ai grandi gruppi finanziari, che la popolazione si dimentichino di arricchirsi con questo gioco o comunque faccia arricchire i cambi in nero che tanto saranno controllati dai soliti noti oligarchi.

Il fatto che la transazione abbia un costo complessivo piu' elevato invece non incide sul cambio perche' il cambio rimane invariato: la parte in piu' e' una tassa che viene trasferita dal cambio o dalla banca al Fondo Pensioni Ucraino.

C'e' anche un altro fattore, macroeconomico, importante : l'Ucraina dovra' ripagare diversi miliardi di USD l'anno prossimo e, a breve, pagare per il gas necessario per i depositi in vista dell'invero e di una possibile nuova guerra del gas con la Russia e quindi lo Stato e' "obbligato" a tenere il cambio del dollaro il piu' basso possibile, anche se la cosa sta irritando i grandi oligarchi che vedrebbero di buon occhio un USD a 9 o 9,5 per facilitare l'export.

Il risultato, per ora, e' che la popolazione, spaventata da questa tassa, ha gia' smesso di comprare dollari da qualche giorno e l'obbligo di vendere il 50% dei propri dollari per le aziende ha fatto il resto, facendo scendere il dollaro e permettendo alla banca centrale di riprendere ad acquistare dollari sul mercato interbancario. E' addirittura possibile che il dollaro nei prossimi giorni scenda vicino ad 8.

Di fatto però a noi frequentatori dell'UA con l'Euro in tasca non cambia quasi nulla, vendiamo gli eurini per le grivne ma non dovremmo pagare la tassa, giusto? se non fosse così sarebbe una mazzata pazzesca... poi il 15% di cosa? del controvalore? sarebbe folle!!

Per i turisti non cambia nulla in quanto non residenti. L'eventuale tassa sulla vendita non interessa solo i dollari ma tutte le valute, quindi anche gli Euro ed del 15% dell'intero controvalore. Su 100 USD si pagano 15 USD (o meglio il controvalore in UAH).

Scritto così sembra che per riacquistare gli Euro devo presentare il modulo...è corretto?

Riguardo agli acquisti di valuta faccio natare che e' gia' cosi oggi : senza il modulo di acquisto delle UAH un non residente non puo' riacquistare valuta straniera. Che poi molti cambi per strada e alcune banche non seguano le regole e' un altro discorso.

Ho notato una cosa quando sono stato a Lviv l'ultima volta.... i cambi al cambiavalute sono tutti leggermente più alti che quello ufficiale, sia acquisto che vendita... mi spiego, un giorno che l'euro quotava 10,50 ai cambiavalute si trovavano i cambi a 10,55 (acquisto) e 10,65 (la vendita) tutti i giorni sempre leggermente più alto anche rispetto al dollaro....misteri....

Il cambio ufficiale e' quello del mercato interbancario a cui accedono le banche. Ovviamente il costo per la popolazione e' piu' elevato.
Avatar utente
andbod
Admin
Admin
 
Messaggi: 7186
Iscritto il: domenica 7 dicembre 2008, 1:40
Residenza: Lviv Ucraina
Anti-spam: 56

Re: Nuove regole per la compravendita di valuta

Messaggiodi vittorio_guido il domenica 25 novembre 2012, 3:10

E per l'euro e per chi ha conti correnti là sempre in euro ci saranno problemi?
Noi abbiamo i soldi per far venire mia suocera ( a garanzia del visto) in un conto in euro in una banca Ucraina.
Sapete se ci saranno problemi al riguardo?
grazie
Vittorio
Soltanto gli stupidi non sbagliano mai.....
Odessa Mama
Avatar utente
vittorio_guido
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 5742
Iscritto il: domenica 7 febbraio 2010, 22:09
Residenza: viareggio (Odessa vacanza)
Anti-spam: 56

Re: Nuove regole per la compravendita di valuta

Messaggiodi dreamcatcher il lunedì 26 novembre 2012, 11:44

Mmm... tra l'altro, mio "cognato" che è marinaio, viene pagato in dollari (da quel che so sono bei soldini), credo su un conto bancario, mentre fino all'anno scorso se non erro gli veniva tutto accreditato su una carta di debito. Sono curioso di sapere se la questione della conversione in moneta ucraina varrà anche per lui.

PS. una curiosità: la banca presso la quale viene versato lo stipendio da marinaio è una banca greca :!: operante in Ucraina. Almeno così ho capito... e spero di aver capito male, anche se me lo sono fatto ripetere varie volte...
Avatar utente
dreamcatcher
MODERATORE
MODERATORE
 
Messaggi: 7522
Iscritto il: giovedì 1 luglio 2010, 10:38
Residenza: Como
Anti-spam: 56

Re: Nuove regole per la compravendita di valuta

Messaggiodi vittorio_guido il lunedì 26 novembre 2012, 14:18

dreamcatcher ha scritto:Mmm... tra l'altro, mio "cognato" che è marinaio, viene pagato in dollari (da quel che so sono bei soldini), credo su un conto bancario, mentre fino all'anno scorso se non erro gli veniva tutto accreditato su una carta di debito. Sono curioso di sapere se la questione della conversione in moneta ucraina varrà anche per lui.

PS. una curiosità: la banca presso la quale viene versato lo stipendio da marinaio è una banca greca :!: operante in Ucraina. Almeno così ho capito... e spero di aver capito male, anche se me lo sono fatto ripetere varie volte...


Cosa non ti torna... anche un'amica di mia moglie si faceva mandare i dollari in banca anche lei navigava.... credo che fosse greca anche la sua ma non ricordo di sicuro.... ci sono anche banche europee...
Soltanto gli stupidi non sbagliano mai.....
Odessa Mama
Avatar utente
vittorio_guido
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 5742
Iscritto il: domenica 7 febbraio 2010, 22:09
Residenza: viareggio (Odessa vacanza)
Anti-spam: 56

Re: Nuove regole per la compravendita di valuta

Messaggiodi andbod il lunedì 26 novembre 2012, 14:40

Premesso che per ora nulla e' certo, neppure il fatto che venga introdotto il regolamento, cosa che continuando il dollaro a crollare come in questi giorni (oggi in alcuni cambi era a 8,13, cosa che non capitava da tempo), non sara' necessaria, cerco di rispondere ad alcune domande.

La bozza di regolarmento si applica alle sole operazioni di vendita di valuta. Se si ha un conto o un deposito in USD

La pratica di pagare i maritimmi in valuta ho scoperto essere molto diffusa : di fatto le compagnie di navigazione Ucraine sono tutte Cipriote (per non pagare tasse) e quindi pagano i marinai con un bonifico bancario internazionale in valuta sul loro conto in USD. Una volta ricevuti gli USD per cambiarli in UAH dovranno pagare la tassa, altrimenti fino a che rimangono in USD non devono pagare nulla.

Questo almeno stando alla prima bozza, visto che ieri in televisione il responsabile della NBU ha sostenuto che, qualora non si risolva la situazione di instabilita' dei cambi, potrebbero pensare ad applicare la tassa a tutte le transazioni in valuta (quindi anche i prelievi dai conti correnti o di deposito) e/o abolire completamente i conti in valuta, facendoli diventare solo conti di transito (e questa penso sarebbe un'iniziativa lodevole visto che la valuta nazionale e' l'UAH e non il dollaro).

Intanto e' stata inibita la possibilita' per le banche a rilasciare nuove carte di debito o di credito in valuta. Ora tutte le carte avranno un valore nominale in UAH, tranne le carte rilasciate da banche estere, quindi tranne American Express e Diners.

Ci sono piu' esperti che hanno gia' bollato la norma come inapplicabile se non per chi tratta somme enormi (e che sicuramente ha altri modi per cambiare) o somme minuscole. Chi deve cambiare alcune migliaia di USD semplicemente andra' oltre frontiera o si affidera' alle societa' di "spalloni" che gia' oggi tutti i giorni fanno avanti e indietro da Ucraina tra Ucraina e Polonia per "riciclare" la valuta ottenuta illegamenti in Ucraina.
Avatar utente
andbod
Admin
Admin
 
Messaggi: 7186
Iscritto il: domenica 7 dicembre 2008, 1:40
Residenza: Lviv Ucraina
Anti-spam: 56

Re: Nuove regole per la compravendita di valuta

Messaggiodi dreamcatcher il lunedì 26 novembre 2012, 14:49

vittorio_guido ha scritto:Cosa non ti torna... anche un'amica di mia moglie si faceva mandare i dollari in banca anche lei navigava.... credo che fosse greca anche la sua ma non ricordo di sicuro.... ci sono anche banche europee...


Si si lo so, banche ce ne sono di ogni tipo. Non l'ho raccontata tutta... lui è partito nei giorni del caos totale in Grecia e si parlava di quello... la sua riflessione (anzi la riflessione di mia cognata) al telefono è stata: danno un tasso molto conveniente (credo di ricordare abbia deto intorno al 20%)!

A quel punto ho fatto la somma: banca greca+tasso ucraino, ho alzato bandiera bianca e ho abbandonato la discussione :mrgreen:

ps. credo viaggi con una compagnia israeliana, almeno l'ultima volta. Lo stipendio medio di un marinaio con un minimo di specializzazione si aggira intorno ai 3000-3500 dollari al mese. E' un bel guadagnare, considerando che praticamente per 6-7 mesi non vengono spesi...
Avatar utente
dreamcatcher
MODERATORE
MODERATORE
 
Messaggi: 7522
Iscritto il: giovedì 1 luglio 2010, 10:38
Residenza: Como
Anti-spam: 56

Re: Nuove regole per la compravendita di valuta

Messaggiodi toto il lunedì 26 novembre 2012, 23:48

NON E' CERTA CHE SI AVRA IL PARLAMENTO PRONTO PER DECIDERLA STAte PROPOSTA!

Oggi preoccupato sono corso in banca la Privat e la responsabile ci ha detto che non si sa nulla ancora!

Ma chi ha dei depositi in euro non ha nulla da temere uguale per il dollaro anche se si parla di questo!

Se hai il deposito in valuta estera alla scadenza li avrai alla medesima valuta ma se poi li riporti per cambiarli allora si che scatta la tassa.

Se li cambi subito ti daranno il cambio giusto senza tassa,se li porti via all'estero allora rimangono interi.

Cosi ci ha spiegato la responsabile della filiale,se il dollaro andra sopra il controvalore di 8,20 aumenta il pericolo di questa legge che si fara,ma quando?I privati ci sono ecambiano senza problema!Oggi euro 10,50 dollaro 8,10
Avatar utente
toto
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 921
Iscritto il: sabato 21 novembre 2009, 10:43
Residenza: Nikolaev
Anti-spam: 56

Re: Nuove regole per la compravendita di valuta

Messaggiodi andbod il martedì 27 novembre 2012, 12:40

Il Parlamento in realta' ha gia' deciso la scorsa settimana, dando via libera alla banca centrale (NBU) di applicare un'eventuale tassa in modo autonomo. La vera differenza sta appunto nel fatto che non c'e' piu' bisogno dei tempi tecnici dell'approvazione di una Legge ma l'NBU puo' cambiare le regole da un minuto all'altro, senza preavviso.

Confermo quanto detto da Toto sui depositi : fino a che rimangono in valuta non c'e' problema, il problema sarebbe (se il regolamento venisse approvato dall'NBU) solo al momento della vendita della valuta, almeno per ora. D'altronde sarebbe assurdo applicare una tassa superiore al tasso del rendimento dei depositi stessi.

C'e' pero' in discussione la possibilita' di anticipare l'applicazione della patrimoniale sui depositi in valuta e quindi sempre il 15% ma solo sugli utili generati dal deposito stesso.

Sinceramente dubito che queste tasse vengano imposte a breve visto che il dollaro ormai e' sceso ai minimi dallo scorso anno e, anche sui mercati internazionali, sta perdendo terreno rispetto all'Euro. E' altrettando vero che mantenere artificiosamente alto il valore dell'UAH puo' avere pesanti ripercussioni economiche quindi credo che non appena la NBU avra' raccolto i 3-4 miliardi di USD che servono al Governo per i primi 6 mesi del 2013, il dollaro riprendera' ad apprezzarsi.
Avatar utente
andbod
Admin
Admin
 
Messaggi: 7186
Iscritto il: domenica 7 dicembre 2008, 1:40
Residenza: Lviv Ucraina
Anti-spam: 56


Torna a Economia e finanza in Ucraina





Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti