Mia suocera in Italia come fare.

Ricongiungimento con il figlio o la figlia maggiorenni.

Re: Mia suocera in Italia come fare.

Messaggiodi spazzaneve il martedì 11 ottobre 2011, 10:19

scusate ma c'è differenza ci può essere ricongiungimento senza che il familiare sia a carico? stamattina abbiamo cambiato idea, andiamo avanti con le pratiche. Parlando con una amica di mia suocera, anche lei di Odessa ma che vive e lavora a Bolzano, ci siamo chiariti le idee su alcune cose. Quando si richiede la residenza il familiare risulta a carico, e questo comporta un immediato aumento di alcune spese fra cui la tarsu. Inoltre aumenta il nucleo familiare, ma è possibile rinunciare agli sgravi fiscali se si fa apposita dichiarazione nel 730. Qui il discorso si fa più complesso perchè mia suocera lavora.
Avatar utente
spazzaneve
VIAGGIATORE
VIAGGIATORE
 
Messaggi: 33
Iscritto il: lunedì 15 settembre 2008, 17:58
Località: Cagliari


Re: Mia suocera in Italia come fare.

Messaggiodi andrey il martedì 11 ottobre 2011, 15:53

tu vorresti la botte piena e la moglie ubriaca dice un vecchio proverbio

Allora ci sono le leggi ed è normale che un cittadino ne chieda l'applicazione nei diritti ma ci sono anche i doveri o quantomeno dei requisiti che stringono,non entro nel merito che siano giusti o meno.
ci sono e come si chiede con forza i diritti dobbiamo assolvere i doveri,
con le flessibilita' che la legge puo' dare.

Per i cittadini UE in applicazione di una Direttiva Europea è stato aprovato il Decreto Legislativo n°30/2007
ingresso e soggiorno dei cittadini UE e dei loro familiari UE ed extra UE

art 2 chi sono i familiari
nel tuo caso genitori del cittadino UE o del coniuge se a carico

possono essere ricongiunti con il cittadino UE/italiano(art.23) e risiedere in italia in questo caso
se sono a carico del cittadino UE nel paese di origine
se si presenta domanda di ricongiungimento richiedono anche la dimostrazione che siano a carico con invio di denaro per vie ufficiali e documentabili
tralascio quello che viene richiesto talvolta e non previsto.

avuto il visto con urgenza e priorità quindi gratis e senza appuntamento in ambasciata

arrivati in Italia entro 3 mesi richiedono la cds art 10(vedi sopra e comunque consiglio di stampare e leggere attentamente il dls 30/2007)

il dls 30/2007 non specifica il tipo di visto.
vanno in questura senza obbligo del kit postale e con urgenza e gratuità chiedono la cds con i documenti richiesti o/e sopra descritti

i tempi del rilascio nonostante sia da rilasciare a breve variano da pochi gg a 3 mesi

e' ovvio che se hai una persona in piu' residente ti cambia tutto cio' che ad esso è collegato vedi ad esempio la tassa sui rifiuti.

e comuque registrata in comune nel tuo certificato di residenza e famiglia

io cercherei di ottenere anche se non ho esperienze in merito di un visto, se non in applicazione dell'accordo sopra descritto almeno superiore all'anno

e anche se sono anni che non ne chiedo piu' uno risultano sempre gratuiti

sito ambasciata italia kiev
Quali sono le categorie di richiedenti escluse dal pagamento del visto?

Le seguenti categorie di richiedenti sono esenti dall’obbligo di pagamento dei diritti per il trattamento delle domande:
• studenti (breve e lungo soggiorno)
• minori di 6 anni (breve soggiorno)
parenti fino al II grado di cittadini UE (breve e lungo soggiorno)
• ricercatori scientifici, quali definiti nella raccomandazione 2005/761/CE del 28.09.2005
• alcune categorie di beneficiari rientranti nell'accordo di facilitazione con l'UE (vedasi specifico foglietto informativo)

N.B.: Nessun altro costo aggiuntivo, oltre a quelli sopra elencati, e’ previsto a carico del richiedente il visto. La richiesta di somme di denaro, a qualunque titolo, in cambio di promesse agevolazioni per l’ottenimento del visto, costituisce grave violazione di legge ed e’ pertanto penalmente perseguibile.


purtroppo ci sono le spese accessorie di viaggio ecc..
«Lottate e vincerete!»,Taras Ševčenko ai popoli soggetti al dominio imperiale di Mosca "QUANDO TRA IL PANE E LA LIBERTÀ IL POPOLO SCEGLIE IL PANE, PRIMO O POI SI PERDERÀ TUTTO, COMPRESO IL PANE" Stepan Bandera
СЛАВА УКРАЇНІ CON IL CUORE VIVA UCRAINA
Avatar utente
andrey
MODERATORE
MODERATORE
 
Messaggi: 6026
Iscritto il: lunedì 7 maggio 2007, 7:59
Residenza: firenze,lviv(resistenza)
Anti-spam: 42

Re: Mia suocera in Italia come fare.

Messaggiodi moris.cn il martedì 11 ottobre 2011, 18:43

Scusa ma la tarsu e' tassa sulla spazzatura? Allora questa viene calcolata sui mq e non sulle persone.
Altra cosa quando si ha piu' persone nello stato di famiglia che non hanno reddito in italia ( come tua suocera)
hai dei vantaggi e non svantaggi ( vedi isee )
Parlo per esperienza.
Avatar utente
moris.cn
ESPLORATORE
ESPLORATORE
 
Messaggi: 185
Iscritto il: sabato 3 aprile 2010, 11:54
Residenza: pistoia
Anti-spam: 56

Re: Mia suocera in Italia come fare.

Messaggiodi andrey il martedì 11 ottobre 2011, 19:18

la tassa sui rifiuti non è uguale in ogni provincia

comunque in generale tiene conto del nucleo familiare anche se 1 persona incide poco in molto casi
ma si deve conoscere il modo di calcolo

gli sgravi o bonus in generale sono per redditi molto bassi
«Lottate e vincerete!»,Taras Ševčenko ai popoli soggetti al dominio imperiale di Mosca "QUANDO TRA IL PANE E LA LIBERTÀ IL POPOLO SCEGLIE IL PANE, PRIMO O POI SI PERDERÀ TUTTO, COMPRESO IL PANE" Stepan Bandera
СЛАВА УКРАЇНІ CON IL CUORE VIVA UCRAINA
Avatar utente
andrey
MODERATORE
MODERATORE
 
Messaggi: 6026
Iscritto il: lunedì 7 maggio 2007, 7:59
Residenza: firenze,lviv(resistenza)
Anti-spam: 42

Re: Mia suocera in Italia come fare.

Messaggiodi spazzaneve il martedì 11 ottobre 2011, 19:59

ti terrò aggiornati. giovedi concludo con i documenti e venerdi mattina ci presenteremo in questura. Ho finalmente parlato con un altra persona che ha fatto la stessa cosa e si trova nella medesima situazione, con la sola differenza che la suocera è pensionata. Mi ha detto che non si tratta di ricongiungimento ma di "familiare a seguito"
Avatar utente
spazzaneve
VIAGGIATORE
VIAGGIATORE
 
Messaggi: 33
Iscritto il: lunedì 15 settembre 2008, 17:58
Località: Cagliari

Re: Mia suocera in Italia come fare.

Messaggiodi andbod il mercoledì 12 ottobre 2011, 0:38

Non confondiamo le cose : il visto "familiare al seguito" e' sempre un visto di ricongiungimento familiare, l'unica differenza e' nelle modalita' di ingresso nello spazio Schengen.

Con il "ricongiungimento familiare" il cittadino extra-UE puo' entrare nello spazio Schengen da solo, altrimenti se viaggia con il familiare UE e' "al seguito".
Avatar utente
andbod
Admin
Admin
 
Messaggi: 7232
Iscritto il: domenica 7 dicembre 2008, 1:40
Residenza: Lviv Ucraina
Anti-spam: 56

Re: Mia suocera in Italia come fare.

Messaggiodi andrey il mercoledì 12 ottobre 2011, 15:11

'sta burocrazia :D

se ho capito il nuovo post di spazzaneve devo dire che:

o si fa' ricongiungomento e tutto parte dall'ambasciata sia (visto)ricongiungimento che (visto) familiare al seguito

o se il familiare è già in Italia con altro visto o meno si fà COESIONE FAMILIARE
o con il dls 30/2007
o con il testo unico Immigrazione(bossi fini)art 19 che mi sembra sia quello piu' probabile dai documenti richiesti dala questura pds di 2 anni max. attenzione che con questo c'è obbligo di convivenza verificabile discrezionalmente dagli organi di polizia
«Lottate e vincerete!»,Taras Ševčenko ai popoli soggetti al dominio imperiale di Mosca "QUANDO TRA IL PANE E LA LIBERTÀ IL POPOLO SCEGLIE IL PANE, PRIMO O POI SI PERDERÀ TUTTO, COMPRESO IL PANE" Stepan Bandera
СЛАВА УКРАЇНІ CON IL CUORE VIVA UCRAINA
Avatar utente
andrey
MODERATORE
MODERATORE
 
Messaggi: 6026
Iscritto il: lunedì 7 maggio 2007, 7:59
Residenza: firenze,lviv(resistenza)
Anti-spam: 42

Re: Mia suocera in Italia come fare.

Messaggiodi ermitage5 il mercoledì 12 ottobre 2011, 17:45

ai familiari di cittadini Italiani si applica solamente il DLS 30/2007.
la Bossi fini si applica solamente agli extra -ue "puri".
Poi se ogni questura fa' come li pare è una altra cosa....
Siamo in Italia !!!
Avatar utente
ermitage5
VIAGGIATORE
VIAGGIATORE
 
Messaggi: 28
Iscritto il: martedì 29 aprile 2008, 17:26
Località: grosseto

Re: Mia suocera in Italia come fare.

Messaggiodi vittorio_guido il giovedì 13 ottobre 2011, 8:17

Si ma non ho capito una cosa nel dls 30/2007 si parla sempre di familiare a carico
Se lei lavora come fà ad essere a carico?
Vittò
Soltanto gli stupidi non sbagliano mai.....
Odessa Mama
Avatar utente
vittorio_guido
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 6322
Iscritto il: domenica 7 febbraio 2010, 22:09
Residenza: viareggio (Odessa vacanza)
Anti-spam: 56

Re: Mia suocera in Italia come fare.

Messaggiodi spazzaneve il giovedì 20 ottobre 2011, 10:11

in effetti molte cose non sono chiare: come mai non mi hanno chiesto il mio reddito? sarebbe a carico solo quando lei entra in territorio italiano? per ora aspettiamo, i documenti li abbiamo consegnati. Loro sanno già che mia suocera ha un biglietto di ritorno.
Per rispondere a qualcuno riguardo il visto di ingresso: mia suocera non paga più per il visto, ha pagato solo le prime volte. adesso è gratuito. Però tutti i documenti che deve produrre per averlo non sono gratuiti. Siccome ogni volta questi documenti vengono cestinati, è necessario rifarli, e ciò comporta un costo complessivo, senza contare i giorni di lavoro persi, viaggio etc...di circa 300 euro.
Avatar utente
spazzaneve
VIAGGIATORE
VIAGGIATORE
 
Messaggi: 33
Iscritto il: lunedì 15 settembre 2008, 17:58
Località: Cagliari

Re: Mia suocera in Italia come fare.

Messaggiodi ermitage5 il giovedì 20 ottobre 2011, 19:18

Mia suocera è venuta in italia con ricongiungimento familiare.
Gli hanno dato un permesso di soggiorno valido 5 anni ( familiare di citttadino italiano)e con questo va' avanti indietro.....
Più semplice di cosi'....
Ora è già andata in questura per rinnovare il permesso.
Avatar utente
ermitage5
VIAGGIATORE
VIAGGIATORE
 
Messaggi: 28
Iscritto il: martedì 29 aprile 2008, 17:26
Località: grosseto

Re: Mia suocera in Italia come fare.

Messaggiodi andrey il venerdì 21 ottobre 2011, 12:07

ermitage5 ha scritto:Gli hanno dato un permesso di soggiorno valido 5 anni


e' questo il metodo anche se quello previsto sarebbe il visto pluriennale
solo dipende dalle questure discrezionalità di documentazione

c'è quello previsto dalle leggi dls 30/2007 e al limite usato impropriamente per casi particolari art 19 TU

spazzaneve ha scritto:come mai non mi hanno chiesto il mio reddito?


premesso come ho detto in post prima che il dls 30/2007 e comunque anche l'art 19 del TU parlano di "Residenza in Italia" e "Convivenza con familiare di cittadino italiano"

c'è l'uso improprio della cds o pds in sostituzione del visto per visite a familiari di cittadino italiano
questo,anche se forse incosapevolmente da chi rilascia,per alleggerire le ambasciate di pratiche che sono pienamente legittimate al visto e per ultimo senz'altro il risparmio di soldi allo Stato Italiano e al cittadino Italiano in soldi e altra burocrazia ripetitiva e costosa.

a questo punto dalla descrizione della documentazione c'è qualcosa in meno e qualcosa in piu'

dalle mie parti si dice Poggio e bua fan pari.

Un'azione buona (poggio) e una cattiva (buca) si compensano :D
spazzaneve ha scritto:sarebbe a carico solo quando lei entra in territorio italiano?

sbagliato,almeno parzialmente,quando si fà ricongiungimento che il familiare è a carico va' dimostrato in ambasciata con invio precedente di denaro documentabile,non previsto è la dimostrazione dei tuoi redditi che comunque di solito per lapsus freudiano vengono chiesti.
tu dovresti dimostrare solo che la mantieni in qualche percentuale in patria estera
ripeto questi familiari sono sempre a i figli di coniuge o suoceri o figli di naturalizzati italiani

FAMILIARI per legge e di fatto,con diritto all'Unità Familiare" con cio' che ne consegue in un paese civile

sai cosa mi dissero in un patronato al quale mi ero rivolto per difendere i miei diritti di leggi e morali quando gli dissi che dimostrare redditi per moglie e figlia di lei non era previsto ne dalla legge ne dalla logica

"ma insomma lo vuoi dimostrare o no che tu sei in grado di mantenerle"
non c'è offesa piu' grande di fronte ad un abuso,se pur relativo ad una pratica burocratica.

solo per logica se sono disoccupato o perdo il lavoro o chissa' cosa dovrei rinunciare alla mia famiglia?? [-o<
«Lottate e vincerete!»,Taras Ševčenko ai popoli soggetti al dominio imperiale di Mosca "QUANDO TRA IL PANE E LA LIBERTÀ IL POPOLO SCEGLIE IL PANE, PRIMO O POI SI PERDERÀ TUTTO, COMPRESO IL PANE" Stepan Bandera
СЛАВА УКРАЇНІ CON IL CUORE VIVA UCRAINA
Avatar utente
andrey
MODERATORE
MODERATORE
 
Messaggi: 6026
Iscritto il: lunedì 7 maggio 2007, 7:59
Residenza: firenze,lviv(resistenza)
Anti-spam: 42

Re: Mia suocera in Italia come fare.

Messaggiodi raffygo il lunedì 1 luglio 2013, 21:15

salve,
vorrei ricevere informazioni sul visto da chiedere ,documenti necessari e tempistica per far venire la nonna di mia moglie ucraina in italia per un paio di settimane?
il visto lo posso chiedere al centro visti ad odessa senza andare a Kiev?
grazie per le vostre risposte
Avatar utente
raffygo
TURISTA
TURISTA
 
Messaggi: 9
Iscritto il: martedì 31 maggio 2011, 9:41
Località: Regione Nikolaev
Residenza: Bashtanka Ucraina
Anti-spam: 56

Re: Mia suocera in Italia come fare.

Messaggiodi beppino il martedì 2 luglio 2013, 7:54

:leggere: , :leggere: , :leggere: .... :ok: ?
:D
Avatar utente
beppino
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 947
Iscritto il: lunedì 22 novembre 2010, 13:51
Residenza: bergamo - italia
Anti-spam: 56

Re: Mia suocera in Italia come fare.

Messaggiodi lampo il martedì 2 luglio 2013, 13:57

Seguendo il suggerimento di Peppino: leggere i post precedenti ,no? :?
Avatar utente
lampo
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 1217
Iscritto il: venerdì 16 gennaio 2009, 14:51
Residenza: rimini
Anti-spam: 56

Precedente

Torna a Ricongiungimento familiare





Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron