Le IENE in Ucraina

Esperienze e confronti, le storie d'amore le delusioni e il carattere delle ragazze ucraine.

Re: Le IENE in Ucraina

Messaggiodi markus il giovedì 5 novembre 2015, 14:36

Carlo Martini ha scritto:le Jene, in generale e a parte qualche denuncia sociale importante


Concordo che qualche servizio merita per il resto, considerando quei pochi servizi che ho visto (qui in Moldavia non ricevo canali italiani), li trovo "costruiti".

Ho guardato, sul loro sito, il servizio sulle badanti per curiosità, questo a seguito di quanto scritto sul Forum. Personalmente non mi ha disturbato, mi sono piaciute le risposte delle badanti.

Poi và beh, l'agente delle pornostar, quello per me è folclore.

@ Peter :lol:
Avatar utente
markus
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 1732
Iscritto il: giovedì 13 marzo 2014, 12:18
Residenza: Basarabia
Anti-spam: 42


Re: Le IENE in Ucraina

Messaggiodi dreamcatcher il giovedì 5 novembre 2015, 15:34

Bentornato Carlo Martini !

Oltre a quanto detto sulle badanti, c'è anche la figura squallida che viene fatta fare agli italici maschietti.
Poi per forza che ci mandano una foto con mezza caviglia in vista e dopo due mail ci spillano i soldi della stufa a carbone :mrgreen: ... siamo tutti dei poveracci con una sola cosa in mente e per di più che non concludono mai niente!

Ce ne sono infinite di notizie, curiosità ed inchieste serie da fare sulle comunità ucraina in Italia... basta cercare, vale anche per le Jene.
Avatar utente
dreamcatcher
MODERATORE
MODERATORE
 
Messaggi: 7285
Iscritto il: giovedì 1 luglio 2010, 10:38
Residenza: Como
Anti-spam: 56

Re: Le IENE in Ucraina

Messaggiodi vittorio_guido il giovedì 5 novembre 2015, 16:57

Purtroppo molti (non tutti ci tengo a sottolinearlo) fanno giornalismo per sentito dire.
Le Iene in parte si comportano così in parte no.
Non ho visto il video anzi i 2 video ed a dire la verità da quando seguo solo beppa pig vivo meglio....quindi non penso li vedrò
Soltanto gli stupidi non sbagliano mai.....
Odessa Mama
Avatar utente
vittorio_guido
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 5502
Iscritto il: domenica 7 febbraio 2010, 22:09
Residenza: viareggio (Odessa vacanza)
Anti-spam: 56

Re: Le IENE in Ucraina

Messaggiodi Gianmarco58 il giovedì 5 novembre 2015, 17:27

markus ha scritto:
Carlo Martini ha scritto:le Jene, in generale e a parte qualche denuncia sociale importante


Concordo che qualche servizio merita per il resto, considerando quei pochi servizi che ho visto (qui in Moldavia non ricevo canali italiani), li trovo "costruiti".

Ho guardato, sul loro sito, il servizio sulle badanti per curiosità, questo a seguito di quanto scritto sul Forum. Personalmente non mi ha disturbato, mi sono piaciute le risposte delle badanti.

Poi và beh, l'agente delle pornostar, quello per me è folclore.

@ Peter :lol:

Concordo al cento per cento con markus, le inchieste delle jene (che io solitamente non guardo) vanno considerate con estrema cautela e scremate da tutto ciò che serve per fare spettacolo e prendere in considerazione quel pochissimo che ne rimane (in questo caso le risposte delle badanti a domande comunque, secondo me, poco corrette).
L'Ucraina è un Paese dove chi va per fare il suonatore, molto spesso rimane suonato.
Per chi invece va solo ad ascoltare loro musica, è un Paese dove si sta ancora bene.
Avatar utente
Gianmarco58
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 2018
Iscritto il: martedì 11 settembre 2012, 9:32
Località: Milano e Odessa
Residenza: Milano e Odessa
Anti-spam: 42

Re: Le IENE in Ucraina

Messaggiodi Fontanenko il martedì 1 dicembre 2015, 19:25

Ciao A tutti, non so se ieri sera avete visto la puntata delle Iene, nella quale hanno fatto vedere il seguito della vicenda che avevo riportato in questo post.
in breve, il nostro connazionale è riuscito ad avere il passaporto tramite il giudice dei minori, e si è recato a Kalush per vedere almeno la figlia, che non vedeva da luglio.
Bè, sono rimasto colpito dall'atteggiamento della mamma, che nonostante le varie proposte in suo favore e nonostante la promessa che avrebbe fatto vedere la figlia al padre almeno 2 volte al mese, all'indomani dell'incontro in presenza delle telecamere, si è rimangiato tutto e non ha intenzione di far vedere la figlia al padre.
Detto questo, la mia domanda è la seguente: qualcuno di voi sa dirmi se in Ucraina ci sono delle leggi che tutelino il padre nel poter vedere la propria figlia, come qua in Italia?
Avatar utente
Fontanenko
ESCURSIONISTA
ESCURSIONISTA
 
Messaggi: 90
Iscritto il: martedì 13 ottobre 2015, 19:48
Residenza: milano- Chernivtsy
Anti-spam: 42

Re: Le IENE in Ucraina

Messaggiodi dreamcatcher il mercoledì 2 dicembre 2015, 1:26

Non so darti i riferimenti normativi perchè la conoscenza della lingua è molto limitata :oops:
Posso riferirti la mia esperienza personale, intrecciata a quella di alcune amiche della mia ragazza che come lei si sono ritrovate ad affrontare una situazione di divorzio/abbandono (perchè non sempre il divorzio viene ufficializzato, nè tantomeno viene sempre riconosciuta la paternità).

Prima di tutto c'è da dire che nella stragrande maggioranza dei casi il problema è l'opposto: ovvero uno dei genitori (generalmente il padre) si disinteressa totalmente dei figli.
Posso dirti per certo che dal punto di vista legislativo l'altro genitore ha tutti i diritti di pretendere supporto economico per i figli. Questo supporto (che va dai beni di prima necessità, alle cure mediche, alle spese per l'istruzione) è però spesso impossibile da ottenere perchè comporta un impegno a livello burocratico che, anche se potesse essere sostenuto, si scontra poi con il classico 'non ho nulla, non posso dare nulla' da parte dell'altro genitore.

Altro aspetto da tenere in considerazione è che a livello legislativo hanno molta importanza le figure degli assistenti sociali (non si chiamano esattamente così, ma è per rendere l'idea).
Anche qui il discorso è complesso. Teoricamente (per legge) forse il sistema è addirittura più organizzato del nostro, praticamente questi personaggi raramente vedono la famiglia (e quindi i figli contesi) più di una volta, soprattutto nelle zone rurali (non so se in città le cose vadano molto meglio).
sono inoltre persone facilmente influenzabili (=corruttibili) ma che come dicevo prima, hanno la possibilità di influenzare notevolmente una eventuale decisione in un processo di affidamento, ad esempio.
Durante la procedura di ricongiungimento con il bambino della mia ragazza, credo di averlo già scritto, questo assistenti sociali vennero inviati da Kiliya in campagna, videro la casa dei nonni dove il bambino stava crescendo e senza troppi giri di parole dissero che era un luogo 'inadeguato': bagno esterno, niente gas in casa e via dicendo. In più, aggiunsero che il fatto che la madre vivesse all'estero fosse un'aggravante, un abbandono del figlio al pari di quello che aveva fatto il padre a suo tempo. Ovviamente il tutto era solo un modo per spingere i nonni (con figlia che lavorava in Italia e guadagnava in euro) a 'dimostrare' che davvero volevano bene al nipote :evil: aprendo il portafogli.

Detto questo, un'altra questione molto importante da tenere presente è che una cosa è un problema di figli contesi tra genitori ucraini, un'altra è la contesa tra genitori di Paesi diversi, con il figlio in Ucraina.
Nel primo caso, qualora il padre volesse vedere il figlio, avrebbe non solo la Legge dalla sua parte ma anche il vantaggio che la Legge è valida per entrambi.
Ovviamente resta il discorso relativo al sistema giustizia in Ucraina... davanti a un giudice, la ragione va spesso dalla stessa parte dove si mettono più soldi sul piatto della bilancia.
Un padre veramente interessato a vedere i figli dovrebbe essere prima di tutto in grado di onorare gli aspetti economici, dopodichè tutto dipende dal rapporto con la ex moglie. Se finisce in un'aula di tribunale, chi può permettersi di spendere di più farà molto probabilmente prevalere gli aspetti legislativi che più lo avvantaggiano.

Parentesi vissuta in prima persona: un caro amico, Ucraino, deceduto purtroppo un paio di anni fa, che viveva qui in Italia. Sua moglie era rimasta in Ucraina con le figlie... i due, dopo qualche anno si erano separati ma lui da qui continuava a inviare denaro alla moglie che gli permetteva ovviamente di vedere le figlie.
Successivamente la madre ha incontrato un Italiano e ha chiesto (e ottenuto) il permesso del padre a poter portare le figlie in Italia. Da quel momento, il padre naturale non ha più potuto vedere le figlie... l'intreccio di diritti/doveri e di leggi tra i due Paesi è stato tale che lei ha potuto impedirglielo per svariati anni.
Alla sua morte ciò che ha lasciato è finito nelle tasche delle due bambine (che non essendo maggiorenni, non possono usufruirne ancora per qualche anno) e della ex moglie che qui in Italia non ha mai presentato alcun documento che testimoniasse che erano divorziati in Ucraina.

Tornando alla domanda di Fontanenko (chiaramente, se qualcuno ha anche riferimenti normativi a supporto di quanto ho scritto, sarebbe molto utile), nel caso riportato dalle Iene (da prendere sempre con le pinze) bisogna tenere conto proprio del fatto che il minore ora è in Ucraina e che nessun giudice italiano ha il potere (pratico) di permettere al padre nè di riprendersi la bambina, nè di vederla.
Sta al padre, purtroppo, trovare la strada per districarsi nella burocrazia ucraina e nella giustizia ucraina, farlo con avvocati italiani non comporta particolari vantaggi. Il rischio è quello di finire in mano ai classici azzeccagarbugli, faccendieri più o meno onesti, che sappiano aprire le strade giuste...
...il che non è detto che porti a un risultato 'giusto'.... molto dipende dalle forze in campo.
Avatar utente
dreamcatcher
MODERATORE
MODERATORE
 
Messaggi: 7285
Iscritto il: giovedì 1 luglio 2010, 10:38
Residenza: Como
Anti-spam: 56

Re: Le IENE in Ucraina

Messaggiodi gios74 il mercoledì 3 febbraio 2016, 10:53

Ogni tanto anche loro ne fanno una giusta....
Questo è andato in onda ieri sera:

h**p://www.video.mediaset.it/video/iene/puntata/viviani-quando-solo-tua-sorella-puo-salvarti-la-vita_591395.html
"Meglio aggiungere vita ai giorni, che giorni alla vita.." Rita Levi Montalcini
Meglio una fine disperata che una disperazione senza fine! Jim Morrison
Avatar utente
gios74
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 952
Iscritto il: venerdì 14 agosto 2009, 20:06
Località: Lucca
Residenza: Reggio Calabria
Anti-spam: 42

Re: Le IENE in Ucraina

Messaggiodi Fontanenko il mercoledì 3 febbraio 2016, 21:10

Ciao a tutti, ieri sera mi sono commosso con il servizio delle Iene, spero che ci sia un lieto fine. L'unica nota stonata è stata la solita burocrazia italiana che come al solito è ceca davanti a certe realtà.
Alla fine ho capito che la sorella di Elena, è riuscita a venire in Italia, non col visto per motivi di salute, ma per motivi turistici e che sopratutto ha giocato un ruolo fondamentale il console italiano, che data la valenza mediatica ha velocizzato il tutto.
Comunque resta il fatto che noi Italiani abbiamo il cuore grande.
Avatar utente
Fontanenko
ESCURSIONISTA
ESCURSIONISTA
 
Messaggi: 90
Iscritto il: martedì 13 ottobre 2015, 19:48
Residenza: milano- Chernivtsy
Anti-spam: 42

Re: Le IENE in Ucraina

Messaggiodi tsoi87 il giovedì 4 febbraio 2016, 1:57

Fontanenko ha scritto:Ciao a tutti, ieri sera mi sono commosso con il servizio delle Iene, spero che ci sia un lieto fine. L'unica nota stonata è stata la solita burocrazia italiana che come al solito è ceca davanti a certe realtà.
Alla fine ho capito che la sorella di Elena, è riuscita a venire in Italia, non col visto per motivi di salute, ma per motivi turistici e che sopratutto ha giocato un ruolo fondamentale il console italiano, che data la valenza mediatica ha velocizzato il tutto.
Comunque resta il fatto che noi Italiani abbiamo il cuore grande.


ammetto di essermi commosso anche io... paradossalmente era molto piu semplice ottenere un visto turistico che uno per motivi di salute vista le pazze procedure burocratiche quest'ultimo richiedeva... anche se giustamente lei doveva andare per motivi di salute e allora lo ha richiesto in quel modo... ma è un paradosso assurdo... a volte piu vuoi fare le cose corrette e piu invece ti tiri la zappa ai piedi...

assurdo come questo fatto dei visti decida dove e quando una persona può e non può andare... avrei abolito tutte le frontiere del mondo...
Avatar utente
tsoi87
ESPLORATORE
ESPLORATORE
 
Messaggi: 189
Iscritto il: giovedì 23 aprile 2015, 18:28
Residenza: Kiev UA
Anti-spam: 42

Re: Le IENE in Ucraina

Messaggiodi valkrav il giovedì 4 febbraio 2016, 17:10

tsoi87 ha scritto:assurdo come questo fatto dei visti decida dove e quando una persona può e non può andare...
avrei abolito tutte le frontiere del mondo...

così in italia (europa in generale) non trovi più aborigeni
forse qualche ucraino, rumeno, moldavo
ma tutto il resto - arabi, neri, arabi, neri, arabi ...
e califato europeo non sembra più un scherzo
Миром правит не тайная ложа, а явная лажа
Avatar utente
valkrav
MASTER
MASTER
 
Messaggi: 807
Iscritto il: venerdì 30 dicembre 2011, 22:55
Residenza: Lucca
Anti-spam: 56

Re: Le IENE in Ucraina

Messaggiodi tsoi87 il giovedì 4 febbraio 2016, 18:00

valkrav ha scritto:
tsoi87 ha scritto:assurdo come questo fatto dei visti decida dove e quando una persona può e non può andare...
avrei abolito tutte le frontiere del mondo...

così in italia (europa in generale) non trovi più aborigeni
forse qualche ucraino, rumeno, moldavo
ma tutto il resto - arabi, neri, arabi, neri, arabi ...
e califato europeo non sembra più un scherzo


personalmente non mi interessa nulla di chi arriverà e di chi se ne andrà, penso che ognuno debba essere libero di andare ovunque voglia. tu dici che verranno tutti gli arabi e i neri? bene allora l'africa sarà tutta vuota, e quando sarà tutta vuota e visto che è vuota non ci sarà nessuna guerra, allora vedrai che qualcuno tornerà li, e cosi via con tutti i paesi del mondo....
se una persona ucraina come qualsiasi altra proveniente da qualsiasi parte del mondo vuole avere una vita normale in europa, perchè deve decidere qualcuno il suo destino? qualcuno che magari si sveglia male e rifiuta anche ingiustamente un visto?
tutti devono avere la libertà di muoversi e andare dove vogliono. perchè una persona con tante potenzialità e tanta voglia di avere una vita normale deve rimanere ad avere una vita di m---a in ucraina piena di ingiustizie e di depressione?
sia chiaro che non mi riferisco solo all'ucraina, ma a tutte le persone del mondo, secondo me ognuno dovrebbe essere libero di poter andare dove meglio crede.
Avatar utente
tsoi87
ESPLORATORE
ESPLORATORE
 
Messaggi: 189
Iscritto il: giovedì 23 aprile 2015, 18:28
Residenza: Kiev UA
Anti-spam: 42

Re: Le IENE in Ucraina

Messaggiodi valkrav il giovedì 4 febbraio 2016, 18:53

tsoi87 ha scritto:tutti devono avere la libertà di muoversi e andare dove vogliono. perchè una persona con tante potenzialità e tanta voglia di avere una vita normale deve rimanere ad avere una vita di m---a in ucraina piena di ingiustizie e di depressione?

#-o
come mai ti trovi a Kiev UA se laggiù tutto così male ?

Se te vai a bussare la porta a casa mia ti devo far entrare per forza ?
O ti posso mandare in quel paese se ho svegliato male ?

purtroppo, i visti d'ingresso è la stessa cosa, piace o no
il mondo non è perfetto per niente
Миром правит не тайная ложа, а явная лажа
Avatar utente
valkrav
MASTER
MASTER
 
Messaggi: 807
Iscritto il: venerdì 30 dicembre 2011, 22:55
Residenza: Lucca
Anti-spam: 56

Re: Le IENE in Ucraina

Messaggiodi dreamcatcher il giovedì 4 febbraio 2016, 19:01

Manteniamo la discussione su toni e argomentazioni accettabili.

il diritto al libero movimento delle genti è stato più volte messo in evidenza su queste pagine ed ha un fondamento che non si può contestare.
Allo stesso modo però non si può ignorare il fatto che ogni società per la propria stessa sopravvivenza ha bisogno di regole che la tutelino, regole che devono necessariamente tenere conto di tutti gli aspetti economici e sociali che la riguardano.

Le risorse in campo di assistenza sanitaria non sono infinite e per quanto sarebbe bello poterle mettere a disposizione di tutti sappiamo benissimo che ciò non è possibile; inoltre proprio queste risorse sono frutto di uno sviluppo durato anni e reso possibile anche da tutto l'impianto politico ed economico che ha circondato ciascun Paese. Se così non fosse, non vi sarebbero differenze nel curarsi in Italia o in Congo.

Il problema è piuttosto come fare a garantire un minimo di diritti, anche in campo sanitario, senza basarli esclusivamente sulle possibilità economiche o sulla burocrazia.

Non ho seguito la vicenda raccontata dalle iene, ma se l'ambasciatore italiano ha svolto un ruolo chiave nel risolvere la situazione, è la prova che non sempre le scartoffie hanno la meglio sull'aspetto umano.
Avatar utente
dreamcatcher
MODERATORE
MODERATORE
 
Messaggi: 7285
Iscritto il: giovedì 1 luglio 2010, 10:38
Residenza: Como
Anti-spam: 56

Re: Le IENE in Ucraina

Messaggiodi tsoi87 il giovedì 4 febbraio 2016, 19:10

valkrav ha scritto:
tsoi87 ha scritto:tutti devono avere la libertà di muoversi e andare dove vogliono. perchè una persona con tante potenzialità e tanta voglia di avere una vita normale deve rimanere ad avere una vita di m---a in ucraina piena di ingiustizie e di depressione?

#-o
come mai ti trovi a Kiev UA se laggiù tutto così male ?

Se te vai a bussare la porta a casa mia ti devo far entrare per forza ?
O ti posso mandare in quel paese se ho svegliato male ?

purtroppo, i visti d'ingresso è la stessa cosa, piace o no
il mondo non è perfetto per niente


non mi trovo a kiev, sono tornato in italia.. ma ci sono stato parecchi mesi e so come ci si vive e sottolineo e confermo che tutto va cosi male come ho detto io e come hai riportato tu. pieno di ingiustizie e corruzione a livelli assurdi che porta la gente alla disasperazione.

casa tua è casa tua, la nazione è di tutti e come noi possiamo muoverci liberamente in determinate aree anche gli altri dovrebbero, e aggiungo, tutte le frontiere andrebbero tolte.. non è un discorso di: "a quelli si e a quelli no". tutte nessuna esclusa.

se mi faccio male e vado all'ospedale? se mi succede qualcosa all'improvviso? è assurdo che in un caso del genere la persona che amo non può prendere l'aereo e venire immediatamente da me, ma dovrebbe chiedere un visto che probabilmente non verrà rilasciato perchè anche se ha soldi e proprietà non ha lavoro..
è assurdo che in caso di disgrazia una persona non può semplicemente alzarsi la mattina e andare. e un pinco pallino qualsiasi che si alza di malumore mette il timbro di rifiuto sul visto proprio perchè ha i suoi problemi!
Avatar utente
tsoi87
ESPLORATORE
ESPLORATORE
 
Messaggi: 189
Iscritto il: giovedì 23 aprile 2015, 18:28
Residenza: Kiev UA
Anti-spam: 42

Re: Le IENE in Ucraina

Messaggiodi papermate il sabato 6 febbraio 2016, 15:23

Guardando il servizio e parlando di visti a me sono venute in mente un paio di cose. In Italia per quanto se ne dica male comunque abbiamo un senso di accoglienza elevatissimo. Questa donna sfortunata che è arrivata in Italia presumo senza documenti a posto per trovare lavoro è stata accolta dal sistema sanitario nazionale e noi italiani sosteniamo le sue cure. Questa dal punto di vista umano è una cosa grandissima. In altri paesi avrebbero detto sei straniero, non sei in regola, non hai assicurazione qui non ti curi. Questo da un parte mi fa piacere proprio come dicevo dal punto di vista umano dall'altro però se lo colleghiamo al discorso dei visti da un certo punto di vista un po di ordine ci vuole perchè altrimenti il nostro sistema va gambe all'aria, nel senso che con il discorso della libera circolazione di individuo dove vuole andare allora x stare a questo ambiento chiunque abbia un certo male, viene in Italia e si fa curare dal nostro sistena sanitario. Bisogna sempre trovare un giusto euqilibrio tra l'aspetto umano e quello più strettamente legato alle regole e al rispetto delle stesse.
Un altra considerazione; certo che le donne ucraine che arrivano in Italia facimente trovano qualcuno che le aiuta come in questo servizio è stato il caso di questo signore.
Avatar utente
papermate
ESCURSIONISTA
ESCURSIONISTA
 
Messaggi: 58
Iscritto il: sabato 29 ottobre 2011, 15:22
Residenza: Frosinone
Anti-spam: 42

PrecedenteProssimo

Torna a In Ucraina per amore





Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 1 ospite