Le associazioni di volontariato

Onlus e associazioni varie di volontariato italiane operanti in Ucraina

Re: Le associazioni di volontariato

Messaggiodi dreamcatcher il venerdì 8 settembre 2017, 19:18

Grazie Andrea, chiederò di rettificare.

Che poi da una parte e dall'altra ci si soffermi sempre su cavilli assurdi è un dato di fatto.
Avatar utente
dreamcatcher
MODERATORE
MODERATORE
 
Messaggi: 8239
Iscritto il: giovedì 1 luglio 2010, 10:38
Residenza: Como
Anti-spam: 56


Re: Le associazioni di volontariato

Messaggiodi Gianmarco58 il venerdì 8 settembre 2017, 22:01

andrea.ua.83 ha scritto:L'articolo contiene una inesattezza: sono le norme ucraine, entrate in vigore ad inizio 2016, a rendere difficoltosa la immatricolazione delle ambulanze in questione, non la normativa UE.

Non è che a uno sta bene la "nuova Ucraina" solo quando gli fa comodo!
Ci fosse stata la "vecchia Ucraina" forse le ambulanze sarebbero state già a destinazione e in servizio.
A chi piace la nuova Ucraina non resta che aspettare l'ambulanza.
W l'INTER
Avatar utente
Gianmarco58
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 2741
Iscritto il: martedì 11 settembre 2012, 9:32
Località: Milano e Odessa
Residenza: Milano e Odessa
Anti-spam: 42

Re: Le associazioni di volontariato

Messaggiodi dreamcatcher il venerdì 8 settembre 2017, 22:46

Sì Gianmarco, infatti.

Ma non mi sembra così difficile capire che essere per 'la nuova ucraina' non significa approvarne, condividerne nè santificarne ogni aspetto in maniera acritica e per pura presa di posizione.

Nella vecchia ucraina forse le ambulanze sarebbero già state consegnate, o forse non si sarebbero mai potute consegnare perchè non è che sia sempre stato semplice intervenire anche a livello umanitario.

Un esempio? Lato separatista, dove l'ucraina non è vecchia ma direi mummificata, si può fare molto ma molto meno, già solo per il fatto che è difficile raggiungerlo.

Qui ci troviamo nella nuova ucraina e in un'assurdità burocratica ingiustificabile. Tant'è. Non è che dire 'nuova ucraina' sia garanzia si buonsenso, anzi spesso buonsenso non ce n'è.

Però... che ne dici, non sarebbe il caso, se una spallata a questo sistema va data, dargliela in modo che si vada avanti con più buonsenso, invece che indietro?
Avatar utente
dreamcatcher
MODERATORE
MODERATORE
 
Messaggi: 8239
Iscritto il: giovedì 1 luglio 2010, 10:38
Residenza: Como
Anti-spam: 56

Re: Le associazioni di volontariato

Messaggiodi Gianmarco58 il sabato 9 settembre 2017, 7:11

Si certo, la spallata va data ma all'Europa e a chi santificandola a ogni piè sospinto vuole scimmiottarne le regole importandole in un Paese dove non c'è una strada adeguata alle norme europee, dove circoli dove vuoi con quello che vuoi, e dove inquini dove e quando vuoi.
In Ucraina i cervelloni filo europei sapranno che un veicolo euro 5, per poter circolare, ha bisogno delle strade e non di quelle schifezze che hanno?
W l'INTER
Avatar utente
Gianmarco58
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 2741
Iscritto il: martedì 11 settembre 2012, 9:32
Località: Milano e Odessa
Residenza: Milano e Odessa
Anti-spam: 42

Re: Le associazioni di volontariato

Messaggiodi dreamcatcher il sabato 9 settembre 2017, 9:03

Chiaro.

Domanda: i cervelloni filo europei e i nostalgici filo sovietici, si devono dare da fare per costruire strade che siano degne di questo nome?

Penso che la risposta, anche tua, sia sì.

Se così, dopo cosa ci facciamo viaggiare su, euro 5 o i vecchi gloriosi catorci degli anni 50?

Non si discute che certe decisioni e prese di posizione siano totalmente fuori dalla realtà delle cose e che rasentino l'assurdo.
Mi pare che io stesso, per quanto sia sempre un sostenitore della nuova Ucraina, di ritorno dall'ultimo viaggio di questa estate abbia criticato senza mezze parole certe situazioni e certe assurdità. Se le critiche arrivano da chi è ancorato al passato, sono critiche scontate e soprattutto non propongono nulla di costruttivo. Questo fa schifo, quello era meglio prima e via dicendo. Se le critiche, e tante, arrivano anche da chi crede che un cambiamento sia necessario per quanto difficile, mi auguro che servano a qualcosa di più.

Ma dico, meno male che viene fuori il problema... chissà che prima o poi si arrivi a costruire strade e a preoccuparsi un minimo anche di questioni che poi incidono sulla salute delle persone (le strade incluse, visto l'altissimo tasso di incidenti).
Poi chi scimmiotta certe regole europee, a mio parere, fa più danno di chi guarda al passato con nostalgia. Su questo non ci piove.
Avatar utente
dreamcatcher
MODERATORE
MODERATORE
 
Messaggi: 8239
Iscritto il: giovedì 1 luglio 2010, 10:38
Residenza: Como
Anti-spam: 56

Re: Le associazioni di volontariato

Messaggiodi dreamcatcher il sabato 9 settembre 2017, 9:15

@Gianmarco: il mio intervento sopra non voleva essere in contraddizione col tuo. Più che altro uno sfogo di chi crede che certe cose in Ucraina possano e debbano cambiare. Pienamente d'accordo su quanto hai scritto a proposito degli 'scimmiottatori'.

Ho fatto presente quanto notato da Andrea, spero che la notizia venga presentata in maniera più corretta o che quanto meno nei prossimi aggiornamenti venga fatto notare che il problema non sta da parte europea ma nelle norme ucraine. Penso sia giusto, perchè è vero che la UE è un formidabile produttore di stupidaggini burocratiche, ma è anche vero che non è giusto addossarle anche colpe non sue.
Altrimenti viene da sè che commenti come quello di T1000, magari molto validi in generale, saltino fuori anche quando le responsabilità non sono di Bruxelles.
Avatar utente
dreamcatcher
MODERATORE
MODERATORE
 
Messaggi: 8239
Iscritto il: giovedì 1 luglio 2010, 10:38
Residenza: Como
Anti-spam: 56

Re: Le associazioni di volontariato

Messaggiodi Gianmarco58 il sabato 9 settembre 2017, 11:07

Si Dream, avevo capito perfettamente che proponevi un minimo comune multiplo piuttosto che un massimo comun divisore :D
Tempo fa frequentavo Karlovivari in repubblica Ceka, le strade sono in condizioni ottime e tutta la segnaletica e la viabilità sono fatte con regole europee (es. rotonde ad ogni incrocio, segnaletica orizzontale ecc.); hanno anche dovuto adattare molte fabbriche agli standards di produzione e sicurezza europei, cosi molte di esse es- le cristallerie, hanno chiuso i battenti non potendosi permettere le spese per gli adeguamenti divenuti obbligatori.
Cosa diceva la gente a Karlovivari, posto che vive di turismo termale in tutto il periodo dell'anno e che comunque non se la passa male?
La risposta è: Gli obblighi europei ci sono costati troppo!
Le strade ci sono costate troppo!
In due anni hanno creato delle belle strade e tanta disoccupazione1
In Ucraina l'Europa " scimmiottata" sta già costando troppo e non ci sono ancora le strade, ve la immaginate in una Europa integrata?
Io purtroppo si.
W l'INTER
Avatar utente
Gianmarco58
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 2741
Iscritto il: martedì 11 settembre 2012, 9:32
Località: Milano e Odessa
Residenza: Milano e Odessa
Anti-spam: 42

Re: Le associazioni di volontariato

Messaggiodi dreamcatcher il sabato 9 settembre 2017, 11:37

Vedi, il tuo esempio può essere letto anche in modo diverso. Infatti, probabilmente a prescindere dalle imposizioni europee, nessuno può dire se quelle fabbriche sarebbero sopravvissute a loro stesse. Qualcuna sicuramente sì, là dove forse si lavoravano prodotti d'eccellenza, ma le altre, europa o non europa, sarebbero probabilmente state vittime del tempo e dei cambiamenti non solo in repubblica ceca ma nel mondo. Attenzione, non dico cambiamenti giusti e basta, dico cambiamenti, inevitabili. Anche l'immobilismo è in un certo senso parte del tempo che passa. Si resta indietro e si è destinati a sparire.

Per contro, non credo si possa dire che in repubblica ceca le strade abbiano portato solo disoccupazione. L'altro giorno leggevo che la sua comunità ucraina è una delle più numerose in europa, il che indica comunque che il mercato del lavoro, brutto, sfruttatore ecc ecc, è molto attraente.
Dove lavoro ci sono una decina di studenti provenienti dalla repubblica ceca e non baratterebbero mai la situazione privilegiata che vivono oggi con quella dei loro nonni. Forse neanche con quella dei loro genitori (a differenza degli italiani della mia generazione).

La ditta dove lavora (a chiamata, purtroppo) la mia bella, ha aperto poco tempo fa una filiale proprio a Praga. gli stipendi (come i prezzi d'altra parte) sono quasi europei, i contratti a tempo indeterminato, i costi per l'azienda irrisori se confrontati con quelli nostrani e c'è un entusiasmo qui da noi inimmaginabile. La rete viaria non ha nulla da invidiare a quella italiana e questo fa si che il trasporto dei prodotti su gomma si ancora più vantaggioso, anche considerando la posizione geografica. Dove si ferma l'export? Indovina: Ucraina.

Credimi, l'Ucraina di oggi 'assorbita' dalla UE (cosa che comunque non avverrà in tempi brevi) o comunque straziata dalle normative imposte dalla globalizzazione (non solo dalla UE) la immagino anche io e non mi piace affatto.

Per come la vedo io, essere qui nel 2017 ancora a donare ambulanze nel cuore dell'europa, è una sconfitta di tutti noi. La burocrazia, l'ottusità, il profitto ad ogni costo, fanno schifo anche a me, non dubitare di questo.

Ma non dirmi che in repubblica ceca stavano meglio trent'anni fa, sai meglio di me che non è vero.
Avatar utente
dreamcatcher
MODERATORE
MODERATORE
 
Messaggi: 8239
Iscritto il: giovedì 1 luglio 2010, 10:38
Residenza: Como
Anti-spam: 56

Re: Le associazioni di volontariato

Messaggiodi Forrest Gump il sabato 9 settembre 2017, 11:37

La prima cosa che fà l'Europa è mettere una montagna di regole in qualsiasi cosa tu faccia.
Forse di libero e senza preventiva autorizzazione ci è rimasto solo l'andare in bagno o come accendere e spegnere la tv.
Questo è il lato odioso dell'Europa ed anche il motivo per il quale (insieme alle italiche tasse stratosferiche) la nostra economia sta affondando. L'Italia poi è un capitolo a sé, nel senso che è l'Europa + le sue 1000 autonome regole aggiuntive.

Mi pare di averlo già scritto in precedenza, ma se in Ucraina in 4 - 5 mesi ristrutturi completamente un appartamento, partendo dai 4 muri perimetrali, in Spagna ci vogliono 9-10 mesi (Europa), in Italia ci vogliono 2 anni se vuoi fare le cose in regola. Poi ci parlano di abusivismo e di come mai......ecc. ecc.

Io, da un anno e mezzo, cerco di dividere in 2 un immobile per metterlo in vendita.
In pratica trattavasi di chiudere un arco, di alzare un muro per tagliare la comunicazione tra le due unità ed aprire una porta di accesso. Tempo di esecuzione materiale dei lavori max 3 giorni.
Lavori ridotti all'essenziale perché, appunto, dobbiamo vendere un immobile disabitato e non ce ne può fregare di meno.
Più o meno nello stesso periodo iniziavo a Kiev lavori ben più sostanziosi.

Risultato? Beh, in Ucraina abbiamo finito da tempo immemore.

In Italia dopo un anno, forse un anno e mezzo, per "essere in regola" con lavori da 3 giorni, abbiamo dovuto obbligatoriamente nominare architetto, fare progetto, chiedere ad una ditta di apporre suo timbro nel progetto (obbligatorio), presentare progetto all'edilizia privata. Edilizia privata per dare il suo assenso ci chiede una delibera condominiale con la quale si autorizza l'apertura di una porta blindata (presente su tutti gli altri 11 piani ad eccezione del nostro) sul pianerottolo.
Nominare direttore dei lavori, persona diversa dall'architetto progettista, eseguire i lavori in giugno.
Torno a casa e penso. Finalmente è finita.
NO!!!!! Architetto mi dice che occorre rifare impianti elettrici ex novo per ottenere certificazione impianti (che sono vecchi) a nuove leggi. Nominare quindi altra ditta specializzata in impianti elettrici.
A nulla vale spiegare che non mi interessa perché devo vendere. "E' obbligatorio. Punto. Altrimenti non può fare divisione legale delle unità e non puoi vendere " la sua risposta.

Gli chiedo: "ok, torno di nuovo, li faremo in altri 4 - 5 giorni, altri soldi (inspiegabili) che volano per le regole, poi però è finita?? Posso finalmente mettere in vendita?? Risposta secca: "No!!".
Poi dobbiamo procedere a presentare il tutto al catasto per la divisione catastale dell'immobile in 2 unità, poi ancora ottenuta la divisione catastale presenteremo la pratica all'Edilizia privata per ottenere l'abitabilità.
Si prospettano, se tuto va bene, altri 3 - 4 - 5 mesi dalla presentazione e poi, finalmente, puoi metterlo in vendita.
In pratica lavoro materiale da 3 giorni a max 7 (alzare 2 muri e mettere una porta), tempo lavoro dovuto a complicanze burocratiche: 2 anni . Forse, perché se non lo vedo non ci credo.

Mi chiedo: "come XXXXXX (scongiuri vari :D ) fate a vivere ancora in Italia? :mrgreen: :mrgreen:
Ecco, io odio chi non rispetta i trattati, chi invade altri stati, chi fà il bulletto, ecc, ecc.
Ma se questa è l'Europa, allora io sono un estremista antieuropeo.
"L'uomo saggio aspetta il momento giusto, il pazzo lo anticipa, l'imbecille lo lascia passare". (tratto dal film "Mai arrendersi")
Avatar utente
Forrest Gump
Admin
Admin
 
Messaggi: 7007
Iscritto il: sabato 5 luglio 2008, 18:04
Località: Tra Marbella e Kiev
Residenza: Kiev Ucraina
Anti-spam: 42

Re: Le associazioni di volontariato

Messaggiodi vittorio_guido il sabato 9 settembre 2017, 11:40

Ma tanto non si integrerà mai...
Troppo lontani gli ucraini dalle mentalità dei 'cambiamenti'. (Per fortuna aggiungo io)
E comunque l'Europa ha sempre dato miliardi di euro ai paesi per gli aggiornamenti...
Non ha mai detto: hai voluto la bici...mo' pedala...
Quello lo dice dopo.
Lo fa con noi...ha dato milioni d'euro per le autostrade del mare...
Ma se i soldi non li reinvesti... e il solito politico ci mangia su..
Da un sito istituzionale dell'Europa:

Rapporti finanziari della Repubblica ceca con l'UE nel 2015:

spesa totale dell'UE nella Repubblica ceca: 7,075 miliardi EUR

contributo complessivo della Repubblica ceca al bilancio dell'UE: 1,315 miliardi EUR

Mi pare che nel 2015 ha preso 6 volte di più di quanto ha dato.. solo che i cittadini non lo sanno.. :D
Soltanto gli stupidi non sbagliano mai.....
Odessa Mama
Avatar utente
vittorio_guido
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 6390
Iscritto il: domenica 7 febbraio 2010, 22:09
Residenza: viareggio (Odessa vacanza)
Anti-spam: 56

Re: Le associazioni di volontariato

Messaggiodi vittorio_guido il sabato 9 settembre 2017, 11:55

Certo l'ambulanza è l'auto del futuro... :D

Ma come dice dream chi ci assicura che sarebbe andata diversamente?

Ad Odessa stanno chiudendo fabbriche e raffinerie per i pessimi rapporti con la Russia,

Mentre l'Europa guarda ormai da anni...ma non fa niente

All'Europa non frega niente dell'ucraina

Sistemeranno il paese in una maniera tale che fiat e Volkswagen potranno aprire la qualche fabbrica senza rischi di perderle...
E poi buona notte a tutti...
Con gli ucraini persi in un limbo tra europa (che spero evitino come la peste) e l'alleato (nemico così faccio contenti quelli di Lviv) di sempre messo in un angolo a rodersi il fegato..
Rodersi il fegato perché l'Europa sta subentrando pian piano al grande orso...
Prima i debiti li avevi con i russi...
Ora li avrai con L'Ue...
Solo che l'Ue tanti sconti non li fa....
Cambiera' solo chi riscuote
Ma gli ucraini resteranno come sempre fuori da Roma e Milano..
A lavorare per 2 grivne per il padrone di turno
Son pessimista?
Spero di sbagliarmi...

Ieri sera ho visto mediterraneo.
Queste considerazioni mi son venute fuori ieri sera.
Abatantuono dice: volevamo cambiare il paese (dopo la 2a guerra mondiale ndr) ma non ce l'hanno permesso, allora son tornato (nell'isola greca ndr)
Tra quarant'anni gli ucraini scapperanno in russia e diranno: volevamo cambiare il paese (dopo maidan) ma non ce l'hanno permesso...allora siamo tornati a casa (mamma Russia)
:shock:
Soltanto gli stupidi non sbagliano mai.....
Odessa Mama
Avatar utente
vittorio_guido
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 6390
Iscritto il: domenica 7 febbraio 2010, 22:09
Residenza: viareggio (Odessa vacanza)
Anti-spam: 56

Re: Le associazioni di volontariato

Messaggiodi Gianmarco58 il sabato 9 settembre 2017, 12:48

Forrest, 17 anni fa ho fatto anch'io un'esperienza di ristrutturazione della casa a Milano, un calvario; mai più.
Ho costruito una casa a Odessa, il problema più grosso che ho incontrato era le lamentele dei vicini per la polvere e il rumore. Poi una dei vicini è passata a miglior vita, il problema si è dimezzato,
Poi, sai che soddisfazione comprare un tubo dalle caratteristiche e dalle dimensioni che vuoi ti e che servono a te e non quelle dettate dall'Europa che anche in questo caso dimostra di capire un tubo!

Vittorio, concordo con te su tutta la linea!
W l'INTER
Avatar utente
Gianmarco58
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 2741
Iscritto il: martedì 11 settembre 2012, 9:32
Località: Milano e Odessa
Residenza: Milano e Odessa
Anti-spam: 42

Re: Le associazioni di volontariato

Messaggiodi T1000 il sabato 9 settembre 2017, 13:34

@Vittò

Ottima analisi che condivido in pieno. L' Ucraina di oggi mi ricorda gli stati europei di 20 anni fa: tutti ubriachi dall'idea di far parte della UE, che poi si è rivelata la peggiore delle matrigne, interessata solamente agli affaracci propri. L'ho detto pure alla mia compagna - "Non pensare che l'UE sia quel bengodi che tutti pensano sia e non credere che alla cara (cara in termini di voracità €€€) freghi qualcosa di voi (ndr. ucraini). A loro interessa solo spolparvi fino all'osso, farvi indebitare a strozzo e poi fregarsi le vostre risorse umane e materiali".

Spero che questa UE collassi il prima possibile, ormai è diventata un'accozzaglia di affaristi, sfruttatori, arrivisti, delinquenti con la totale complicità della politica. No grazie, questo lettamaio non fa per me.
Viva l'A. e po bon!
Avatar utente
T1000
MASTER
MASTER
 
Messaggi: 999
Iscritto il: martedì 16 giugno 2015, 12:56
Residenza: Trieste e Odessa
Anti-spam: 42

Re: Le associazioni di volontariato

Messaggiodi markus il sabato 9 settembre 2017, 15:22

L'Europa unita, ossia un'Europa pacifica, umanista, sobria ed educata fu il sogno, dapprima, di Napoleone.

Poi venne Trotzky con il sogno degli Stati uniti comunisti d'Europa. Infine Hitler, in fondo, se non avesse esagerato, forse oggi avremmo una vera Europa unita e non quella attuale in mano a burocrati.

D'altronde l'UE attuale, dopo l'illuminismo e la rivoluzione industriale mi sembra una logica conseguenza. Un'unione prettamente dettata da fattori economici e non sociali.
Avatar utente
markus
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 2337
Iscritto il: giovedì 13 marzo 2014, 12:18
Residenza: Basarabia
Anti-spam: 42

Re: Le associazioni di volontariato

Messaggiodi dreamcatcher il giovedì 12 aprile 2018, 9:28

h**p://www.casateonline.it/articolo.php?idd=109051&origine=1&t=Da+%27Cassago+chiama+Chernobyl%27+un+carico+di+materiale+sanitario+all%27ospedale+di+Chernigov

Un altro piccolo aiuto.
Interessante invece l'idea di far visitare alle famiglie ospitanti anche un angolo di Ucraina.
Avatar utente
dreamcatcher
MODERATORE
MODERATORE
 
Messaggi: 8239
Iscritto il: giovedì 1 luglio 2010, 10:38
Residenza: Como
Anti-spam: 56

PrecedenteProssimo

Torna a Associazioni di volontariato in Ucraina





Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti