Il primo viaggio a Murovane (L'viv) 12/2002con candid finale

Racconta i tuoi viaggi i Ucraina

Il primo viaggio a Murovane (L'viv) 12/2002con candid finale

Messaggiodi maurokolombo il martedì 17 settembre 2013, 21:54

Era nato da 6 mesi il nostro primo figlio e mia moglie si era concessa un paio di mesi di permanenza in Ucraina dopo due anni consecutivi passati in Italia.

Il mio compito era riportarli a casa visto che ( ovviamente) il viaggio di andata in pulmino,sola con il bimbo piccolo era stato a dir poco traumatico.

Mi accompagna il nostro amico Ivan.
Carichiamo la mia nissan primera sw appena gommata con ogni ben di Dio.

30 bottiglie tra martini bianco e rosso,spumante e vino imboscandoli nei vani luci e in ogni anfratto disponibile, 15 panettoni e pandori,cioccolato,caramelle,qualche regalino per i bimbi e qualche presente per i parenti e amici.
Stecca di sigarette,ricarica telefonica e via!

È la prima volta che vado in Ucraina ,non ho la più pallida idea della strada che devo fare e il mio compagno di viaggio l’ha percorsa solo una volta. Google maps mi suggerisce diversi percorsi differenti tra loro di poche decine di km. Mia moglie mi proibisce categoricamente di passare da Chop che logicamente è la strada più corta malgrado presenti diversi problemi.

E’ un inverno freddissimo. Le strade sui Carpazi sono ghiacciate e spesso prive di guard-rail,oltretutto si narrano episodi nei quali un km dopo la frontiera,il povero turista viene rapinato e si ritrova in mutande a piedi nudi su di un giornale. Bho! leggende o no non mi rimane che elaborare un tragitto che non preveda ne quel valico ne discussioni con mia moglie.
Decidiamo allora il seguente itinerario: partenza da Milano per passare da Vienna,poi Bratislava,Krakovia e infine L’viv. Sulla carta tutto bene,ma all’epoca Slovacchia,repubblica Ceca e Polonia non erano ancora in Schengen….e qui nascono i nostri problemi!

Giunti alla volta di Bratislava in 10 ore circa,in perfetta tabella di marcia,veniamo rimbalzati dagli Slovacchi in maniera molto scortese. Per me tutto ok, ma all’amico ucraino viene richesto il permesso di transito che potra’ avere solo lunedi’ mattina quando apriranno gli uffici. Visto che sono le 5 di domenica mattina decidiamo di tentare la sorte nella vicina Brno,repubblica ceca. Stessa cosa. Comprendiamo che sarà per noi un lunghissimo viaggio.
Percorriamo tutta l’Austria verso ovest e la Germania verso nord – est per arrivare quindi al confine Polacco.

In una riga 1100 km di allungo in scioltezza.

Per fortuna gli amici Polacchi ci fanno passare senza troppe storie e si apre per noi un barlume di speranza.
Siamo ormai stremati dopo oltre 2000 km percorsi e 30 ore di viaggio. Fuori ci sono -7° e per rimanere svegli viaggiamo con il finestrino abbassato accendendo una sigaretta dopo l’altra. Il fondo è ghiacciato,nevica e ancora e 700km ci separano dal confine Ucraino.

Infiliamo i solchi creati nella neve dalle vetture precedenti ,constatiamo la tenuta delle gomme e via come uno slittino sulla pista di sci. Non so come sia stato possibile ristorarsi due volte nello stesso posto a distanza di qualche ora di viaggio…… pentiti di non aver acquistato un navigatore!

Alla fine arriviamo a pochi km dal confine e tiriamo a sorte se la dogana migliore per noi sia mostiska o rava-ruska. Scegliamo la prima che ovviamente è la scelta sbagliata.
Riusciamo finalmente a contattare telefonicamente mia moglie che impietosita dalle nostre vicissitudini ci indica di rimanere in fila e non avventurarci ulteriormente. L’avremo trovata dall’altra parte con il cugino che avrebbe guidato l’ultimo tratto.

7 ore di dogana a -12 e finalmente siamo in Ucraina! Baci ,abbracci e un bel caffè fatto nel tipico pentolino sulla sabbia rovente che apprezzo particolarmente. Il cugino si mette alla guida e ci dirigiamo verso L’viv.

Finiti i convenevoli e sentendomi ormai al sicuro crollo come un bambino ,ma con mezzo occhio aperto visto che il pazzo alla guida fa schizzare la mia auto sulla neve come un pilota di formula 1. Non ho la forza di reagire, riesco solo a constatare che la temperatura è scesa rapidamente a -25, poi mi abbandono definitivamente.

Mi risveglio per i continui sobbalzi,siamo arrivati a Murovane nella via dove abita la mia consorte, sicuramente il luogo a più alta concentrazione di buche al mondo.

Percorriamo il vialetto di questa bella casa di campagna immersa in un buio pesto e completamente ricoperta di neve. Ci accolgono i parenti nel cortile illuminato da un'unica lampadina che definisce appena le loro sagome.

Dopo i doverosi saluti e prima di entrare chiedo a mia moglie di mostrarmi subito il bagno,non voglio essere maleducato,ma dopo sto viaggio necessito di un attimo di intimità’! “tesoro ti accompagno io ! “mi risponde.

Ci dirigiamo verso il fondo del cortile attraversando la nebbia prodotta dal nostro respiro mentre il buio si fa sempre più intenso. Apre il cancelletto di un recinto nel quale la nostra presenza crea subito un po’ di scompiglio tra le galline che vi risiedono. Mi mostra un casottello di legno di circa un metro per un metro e mi dice “ ecco il bagno ,ti aspetto in casa! Ciao ciao!”. Non dico nulla per non offendere.

Guardo attonito la struttura, apro la porticina e mi faccio luce con l’accendino per cercare di capire come funziona” la cosa”. C’e una tavola di legno con un buco al centro ,un rotolo di carta tipo quella delle nostre ferrovie ( ma più abrasiva!) ,nessuna corda da tirare.

Bhe ,non ce la faccio più! accendo una sigaretta, calo le braghe mi siedo sulla tavola di legno cercando di centrare il foro .Sono un tantino inquietato dalle galline delle quali percepisco la presenza alle mie spalle. Tutto sommato l’esperienza anche se un po’ retro’ termina con un esito positivo.

Entro in casa , tutti sono intorno ad una tavola imbandita , vedendomi entrare si piegano dalle risate,volgo lo sguardo a sinistra e …hanno il bagno…come noi !!! Per consolarmi della candid camera siedo a tavola sapendo di essere sotto esame, so che si aspettano che un Italiano non beva Vodka ,ma non gli daro’ soddisfazione…50 gr per la salute,poi per l’amicizia,per l’amore i successivi per qualsiasi cosa possa venire in mente.

Per il cavallo no, oggi no ,dovrebbe fare troppa strada! Riempio la forchetta con un abbondante pure’ di patate che mi aiutera’ a tenere giu’ la vodka, alzo nuovamente il bicchiere…

BENVENUTO IN UCRAINA! NA DOBRANICH!
Avatar utente
maurokolombo
ESPLORATORE
ESPLORATORE
 
Messaggi: 213
Iscritto il: domenica 17 marzo 2013, 21:19
Residenza: milano
Anti-spam: 42


Re: Il primo viaggio a Murovane (L'viv) 12/2002con candid finale

Messaggiodi head517 il mercoledì 18 settembre 2013, 1:05

Wow, grandissima avventura :)

Ho letto con interesse, complimenti.
Avatar utente
head517
TURISTA
TURISTA
 
Messaggi: 4
Iscritto il: venerdì 14 giugno 2013, 12:31
Residenza: Cagliari
Anti-spam: 42

Re: Il primo viaggio a Murovane (L'viv) 12/2002con candid finale

Messaggiodi andrey il mercoledì 18 settembre 2013, 18:23

benvenuto
vicino a casa mia anche se devo vedere dove si trova questo paese

comunque quando si alza il bicchiere o si dice:Budmo o nasdorovia...forse eri stanco e' ti hanno dato la buona notte :D :D

non ho mai fatto chop in inverno e una sola volta ho fatto i carpazzi di notte
preferisco anche io fare dogana la mattina e proseguire il viaggio con tutta calma
«Lottate e vincerete!»,Taras Ševčenko ai popoli soggetti al dominio imperiale di Mosca "QUANDO TRA IL PANE E LA LIBERTÀ IL POPOLO SCEGLIE IL PANE, PRIMO O POI SI PERDERÀ TUTTO, COMPRESO IL PANE" Stepan Bandera
СЛАВА УКРАЇНІ CON IL CUORE VIVA UCRAINA
Avatar utente
andrey
MODERATORE
MODERATORE
 
Messaggi: 5525
Iscritto il: lunedì 7 maggio 2007, 7:59
Residenza: firenze,lviv(resistenza)
Anti-spam: 42

Re: Il primo viaggio a Murovane (L'viv) 12/2002con candid finale

Messaggiodi maurokolombo il mercoledì 18 settembre 2013, 23:11

andrey ha scritto:benvenuto
vicino a casa mia anche se devo vedere dove si trova questo paese

comunque quando si alza il bicchiere o si dice:Budmo o nasdorovia...forse eri stanco e' ti hanno dato la buona notte :D :D

non ho mai fatto chop in inverno e una sola volta ho fatto i carpazzi di notte
preferisco anche io fare dogana la mattina e proseguire il viaggio con tutta calma

esattamente! ero cosi cotto che dopo l'ultimo bicchiere ho dato la buona notte :oops:
Avatar utente
maurokolombo
ESPLORATORE
ESPLORATORE
 
Messaggi: 213
Iscritto il: domenica 17 marzo 2013, 21:19
Residenza: milano
Anti-spam: 42

Re: Il primo viaggio a Murovane (L'viv) 12/2002con candid finale

Messaggiodi valkrav il sabato 21 settembre 2013, 11:42

ma in che anno hai fatto questa bella avventura?
Миром правит не тайная ложа, а явная лажа
Avatar utente
valkrav
MASTER
MASTER
 
Messaggi: 835
Iscritto il: venerdì 30 dicembre 2011, 22:55
Residenza: Lucca
Anti-spam: 56

Re: Il primo viaggio a Murovane (L'viv) 12/2002con candid finale

Messaggiodi andrey il domenica 22 settembre 2013, 18:32

credo circa 11 anni e mezzo fa' :D
«Lottate e vincerete!»,Taras Ševčenko ai popoli soggetti al dominio imperiale di Mosca "QUANDO TRA IL PANE E LA LIBERTÀ IL POPOLO SCEGLIE IL PANE, PRIMO O POI SI PERDERÀ TUTTO, COMPRESO IL PANE" Stepan Bandera
СЛАВА УКРАЇНІ CON IL CUORE VIVA UCRAINA
Avatar utente
andrey
MODERATORE
MODERATORE
 
Messaggi: 5525
Iscritto il: lunedì 7 maggio 2007, 7:59
Residenza: firenze,lviv(resistenza)
Anti-spam: 42

Re: Il primo viaggio a Murovane (L'viv) 12/2002con candid finale

Messaggiodi maurokolombo il lunedì 23 settembre 2013, 21:43

andrey ha scritto:credo circa 11 anni e mezzo fa' :D

poco meno di 11 anni fa!
fortunatamente i viaggi successivi sono andati tutti lisci.
l'ultimo l'anno scorso con la ford KA di mia moglie :lol: piccola ma onestissima!
Anno dopo anno le strade migliorano sensibilmente e le esperienze pregresse aiutano sicuramente.
Ad ogni modo Murovane si trova oltre la periferia nord di L'viv, c'e una collinetta con una stazione radio che credo sia abbastanza conosciuta. Dalla Polonia si arriva comodi con la Rava-ruska .
Avatar utente
maurokolombo
ESPLORATORE
ESPLORATORE
 
Messaggi: 213
Iscritto il: domenica 17 marzo 2013, 21:19
Residenza: milano
Anti-spam: 42

Re: Il primo viaggio a Murovane (L'viv) 12/2002con candid finale

Messaggiodi jcaloe il martedì 24 settembre 2013, 9:24

Sono cose belle da ricordare, sopratutto dopo circa 11 anni.

Sono amante delle avventure in macchina e ne ho fatte tante, purtroppo sempre da solo, poichè non sono mai riuscito a trovare qualcuno che volesse condividere tali esperienze.

Per non andare fuori tema non voglio ricordare qui le mie avventure in auto avute nel nord America, ma la prima volta che sono andato in auto da Cosenza a Kiev, da solo poichè mia moglie era già lì da tre mesi, in quando stavamo facendo i lavori di finitura del nostro appartamento ucraino.

Sono partito i primi di Aprile, tardo pomeriggio: fino alla frontiera slovena tutto ok, ma poi unica guida fino a Kiev, non avendo neanche un navigatore satellitare funzionante in UA, i video di Alibrando, che avevo studiato molto attentamente come se dovessi fare un esame.

Si sono rivelati utilissimi, anzi fondamentali.

Ho fatto la stessa tratta altre tre volte, ma il fascino della prima volta è stato irripetibile.
Avatar utente
jcaloe
MASTER
MASTER
 
Messaggi: 1030
Iscritto il: martedì 22 giugno 2010, 13:10
Residenza: Kiev
Anti-spam: 42


Torna a Racconti di viaggio





Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti