Documenti? Residenza?

Visto di ingresso per l'Italia

Documenti? Residenza?

Messaggiodi Martin Landau il domenica 18 marzo 2018, 12:40

Scusate ma se non fa parte a questo forum, l’amministratore può spostare.
Si tratta di un mio amico ucraino che sta in Italia da tanto tempo ma non ha nessun documento ha solo passaporto.
Adesso sono cambiate le regole? Le leggi?
Io non sono esperto, suggeritemi e consigliatemi per questo problema.
Scusate anche la scrittura perché sia io (italiano) che il mio amico siamo disabili.
Grazie.
Mi illumino d'immenso.
Avatar utente
Martin Landau
VIAGGIATORE
VIAGGIATORE
 
Messaggi: 45
Iscritto il: martedì 2 gennaio 2007, 15:55


Re: Documenti? Residenza?

Messaggiodi Gianmarco58 il domenica 18 marzo 2018, 13:37

Intravedo una situazione molto delicata, cerchiamo di rispondere in modo appropriato.
Da quello che scrivi sembrerebbe che il tuo amico sia in una situazione di clandestinità, se c'è una situazione di disabilità conclamata, io consiglierei di rivolgersi senza paura a una struttura pubblica per esempio ASL o a un patronato per capire cosa è possibile fare.
W l'INTER
Avatar utente
Gianmarco58
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 2700
Iscritto il: martedì 11 settembre 2012, 9:32
Località: Milano e Odessa
Residenza: Milano e Odessa
Anti-spam: 42

Re: Documenti? Residenza?

Messaggiodi markus il domenica 18 marzo 2018, 15:17

Mi dispiace non saper rispondere, solo segui il consiglio di Gianmarco. Forse questo ti può dare un'indicazione, qui trovi una presa di posizione della Corte di Cassazione (sentenza del 31.07.2017, quindi recente):

h--ps://www.diritto.it/gli-immigrati-disabili-non-possono-espulsi/
Avatar utente
markus
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 2231
Iscritto il: giovedì 13 marzo 2014, 12:18
Residenza: Basarabia
Anti-spam: 42

Re: Documenti? Residenza?

Messaggiodi Martin Landau il domenica 18 marzo 2018, 16:51

Patronato CAF?
Mi illumino d'immenso.
Avatar utente
Martin Landau
VIAGGIATORE
VIAGGIATORE
 
Messaggi: 45
Iscritto il: martedì 2 gennaio 2007, 15:55

Re: Documenti? Residenza?

Messaggiodi vittorio_guido il domenica 18 marzo 2018, 17:15

Con la legge Bossi-Fini, i clandestini e chi li aiuta rischiano condanne che vanno nel penale.
Poi da li a dire che vengano applicate ne corre, basta vedere le migliaia di nord africani che spacciano...con che pds? (Scusate il mini sfogo..)
Non so nello specifico....
Ma è una situazione delicata.
Ti serve l'aiuto di qualcuno in gamba.
Spero altri ti siano d'aiuto.
Auguri
Vittorio
Soltanto gli stupidi non sbagliano mai.....
Odessa Mama
Avatar utente
vittorio_guido
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 6322
Iscritto il: domenica 7 febbraio 2010, 22:09
Residenza: viareggio (Odessa vacanza)
Anti-spam: 56

Re: Documenti? Residenza?

Messaggiodi Gianmarco58 il domenica 18 marzo 2018, 17:59

Si, CAF, oppure, in base al tipo di disabilità prova a sentire un'associazione relativamente alla tipologia di disabilità.
W l'INTER
Avatar utente
Gianmarco58
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 2700
Iscritto il: martedì 11 settembre 2012, 9:32
Località: Milano e Odessa
Residenza: Milano e Odessa
Anti-spam: 42

Re: Documenti? Residenza?

Messaggiodi dreamcatcher il lunedì 19 marzo 2018, 13:31

Aggiungo solo una cosa.

L'articolo riportato da Markus conferma quanto già sapevo anche io, ovvero che chi ha una disabilità tale da precludergli una vita autonoma nel suo Paese d'origine, non può essere espulso. Un po', per analogia, lo stesso discorso che si fa per i minori che, sebbene clandestini, non possono essere espulsi se pure uno dei genitori è clandestino ma si trova in Italia (prima che la mia bella regolarizzasse la sua posizione, anni fa ormai, le venne consigliato di 'fare in modo' di portare in italia il figlio che in quanto minore, sarebbe stato tutelato nel suo diritto di restare con la madre). Ovviamente, come è ovvio che sia in situazioni simili, i benefici ammesso che ve ne siano, sono di gran lunga superiori ai danni che vanno aggiungersi allo stato di clandestinità.

detto questo, sicuramente troverai risposte più precise presso un patronato o anche l'Asl, come suggeriva Gianmarco.
Bisognerebbe capire, per poterti dare una dritta più utile, in che situazione si trovi questa persona, come ha vissuto fin'ora, se ha lavorato, se ha avuto condanne o segnalazioni per essere clandestino, se è mai tornato nel suo Paese in tutti questi anni, se ha parenti o affini qui in italia in possesso di regolari permessi di soggiorno (e nel caso di disabilità grave, si potrebbe procedere nella richiesta di qualcosa di simile alla coesione, qualora vi fosse chi si prende cura del disabile).

Spero che data la situazione, riusciate ad affidarvi a qualcuno che tratti la questione anche da un punto di vista umano e non interpretando le normative in maniera rigida e punitiva. In fondo, le normative stesse lasciano sempre molto spazio di manovra.
Avatar utente
dreamcatcher
MODERATORE
MODERATORE
 
Messaggi: 8100
Iscritto il: giovedì 1 luglio 2010, 10:38
Residenza: Como
Anti-spam: 56


Torna a Visto di ingresso





Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti