Adozione maggiorenne.

Problematiche relative alle adozioni in Ucraina

Adozione maggiorenne.

Messaggiodi kontecagliostro il martedì 27 marzo 2012, 11:33

Espongo il caso di Alina, nella speranza che possiamo aiutare una famiglia italiana.

Dall'età di 9 anni Alina è stata ospitata ogni anno da una famiglia siciliana, nell'ambito dei progetti di c.d. risanamento terapeutico, di quei progetti cioè che, sotto l'egida del Ministero italiano per la famiglia e la solidarietà sociale, favoriscono i soggiorni estivi (e natalizi) dei bambini ucraini, ospiti degli orfanotrofi, i quali vengono in Italia per contrastare i problemi di Chernobyl.

Alina ha appena compiuto la maggiore età e per questo motivo da quest'anno non potrà usufruire dei progetti di risanamento. I genitori naturali di Alina a suo tempo hanno perso la patria potestà.

La famiglia italiana, di comune accordo con la ragazza, adesso vorrebbe, se possibile, adottarla.

La domanda quindi è: "è possibile adottare una ragazza maggiorenne straniera?" E se la risposta è affermativa, quale è la trafila burocratica?

Grazie a nome di Alina e di questa famiglia di amici.
Avatar utente
kontecagliostro
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 686
Iscritto il: giovedì 28 ottobre 2010, 14:03
Residenza: Messina - Priluki
Anti-spam: 42


Re: Adozione maggiorenne.

Messaggiodi peterthegreat il martedì 27 marzo 2012, 13:20

Effetti dell'adozione
Chi viene adottato acquista uno status assimilabile, ma non coincidente, a quello di un figlio legittimo. Il primo segno tangibile dell'adozione e' l'assunzione del cognome. L'adottato assume il cognome di chi lo adotta e lo antepone al proprio. Oltre al cognome l'adottato acquista anche i diritti successori, con una posizione che e' assimilata a quella di un figlio concepito durante un matrimonio, entra quindi nell'asse ereditario sia in relazione alla quota di legittima che in relazione alle successioni legittime, L'adottando assume anche il diritto agli alimenti. L'adozione ordinaria non muta diritti e doveri dell'adottato verso la famiglia di origine e non produce effetti verso i parenti dell'adottante e verso quelli dell'adottato.
Requisiti e procedure
Puo' adottare un maggiorenne chi abbia compiuto 35 anni e che superi di almeno diciottanni l'eta' della persona che si intende adottare, non esistono invece limiti di eta' massima ne' per l'adottato ne' per l'adottante e possono adottare sia le coppie sposate che un'unica persona. Per adottare un maggiorenne e' necessario di regola non avere figli, legittimi o legittimati, o che i figli, se presenti siano maggiorenni e consenzienti all'adozione. La Corte di Cassazione, I sezione, sentenza n. 2426/2006 ha pero' stabilito che la presenza di figli minorenni dell'adottante non sia di assoluto impedimento all'adozione, ma richieda una valutazione caso per caso della convenienza nell'interesse dell'adottando.
Nel caso in cui si desideri adottare un maggiorenne e si abbiano figli maggiorenni ma interdetti o non in grado di prendere una decisione del genere, e' il tribunale a decidere se concedere o no il consenso all'adozione nell'interesse del figlio legittimo o legittimato.
Per l'adozione ordinaria occorre il consenso di:
- adottante ed adottando e loro eventuali coniugi;
- dei figli (legittimi o legittimati o naturali riconosciuti) maggiorenni dell'adottante;
- dei genitori dell'adottando.
In caso di adozione di piu' di una persona (ad es. fratelli) occorre un'istanza separata per ciascun adottando.
Si richiede, a corredo dell'istanza, da presentarsi al Presidente del Tribunale, nelle forme della volontaria giurisdizione:
- Copia integrale dell'atto di nascita dell'adottando, da richiedere al comune di nascita;
- estratto dell'atto di nascita dell'adottante;
- certificato di matrimonio (se coniugato) o di stato libero (se celibe o nubile) dell'adottante e dell'adottando;
- certificato di morte dei genitori dell'adottando (se deceduti) (se viventi presenteranno il loro assenso nelle forme dell'art. 311 c.c.);
- certificato di stato di famiglia dell'adottante in bollo;
- certificato di residenza adottante e adottando in bollo.

Il decreto di adozione ordinaria e' soggetto a registrazione cura delle parti interessate. La Cancelleria trasmette copia del provvedimento agli Ufficiali dello stato Civile per le prescritte annotazioni a margine degli atti di nascita del maggiorenne adottando.
Poiche' la documentazione da produrre deve essere in lingua italiana, in caso di adozione di persona straniera occorre che i documenti originali in lingua straniera siano tradotti e la traduzione venga giurata.
Nel caso di adozione di straniero occorre indicare la normativa in tema di adozione vigente nel Paese di origine della persona da adottare.


Effetti dell'adozione sul titolo di soggiorno
Il cittadino straniero, in seguito alla sentenza di adozione, potra' ottenere un visto per l'ingresso in Italia e una volta qui potra' richiedere un permesso di soggiorno per adozione.
Quanto al diritto alla cittadinanza italiana, questo si matura dopo 5 anni di residenza regolare nel nostro Paese. Ovviamente l'acquisto non e' automatico, occorre fare un apposita richiesta al Ministero dell'Interno.
Dove son gli impiccatori degli Eroi che non scordiamo?
Dove son gli infoibatori della nostra gente sola?
Ruggirà per noi il leone, di là raglio di somaro.
Eia, carne del Quarnaro! Eja Eja Alalà
G. D'Annunzio
Avatar utente
peterthegreat
ESPERTO
ESPERTO
 
Messaggi: 6402
Iscritto il: martedì 29 gennaio 2008, 18:11
Residenza: Savona
Anti-spam: 42


Torna a Adozioni





Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron